Folle sparatoria contro la famiglia rivale: sei arresti, ci sono due bresciani

Una folle sparatoria nel piazzale dove stazionava la famiglia rivale: sei arresti dei carabinieri di Trento per l'episodio del 4 novembre scorso. E si cerca un latitante

Sono stati tutti arrestati, fatta eccezione per un ricercato ancora latitante, i protagonisti della sparatoria nel piazzale del parcheggio Zuffo di Trento, a fianco del casello autostradale della A22: tra di loro ci sono anche due fratelli bresciani, Franco e Joseph Gabrielli, sinti che vivono a Soiano del Lago. Gli altri in manette: Moris Gabrielli di Bressanone, Moreno, Olimpio e Oscar Gabrielli di Trento.

Le indagini coordinate dai carabinieri hanno permesso rapidamente di ricostruire la vicenda e individuare i responsabili, anche grazie alle intercettazioni telefoniche cui alcuni di loro erano già sottoposti (per altri reati). Non sono ancora state però ritrovate le armi utilizzate dai Gabrielli quel giorno: probabilmente quattro armi diverse, come sarebbe già stato confermato dai bossoli recuperati in loco.

La sparatoria

Una sparatoria in piena regola, con volontà intimidatoria e per fortuna senza feriti: si sono messi a sparare all'impazzata nel piazzale, terrorizzando non solo i sinti dell'accampamento rivale, ma anche ignari passanti che hanno subito chiamato le forze dell'ordine.

L'episodio risale al 4 novembre scorso. Per gli inquirenti si tratterebbe di un regolamento di conti, probabile conseguenza di un tentato omicidio che risalirebbe a un paio d'anni fa. Alta tensione tra le due famiglie: dopo le tante minacce, i Gabrielli si sono presentati in sette (e in buona parte armati) nel piazzale dove era stato allestito il campo dei rivali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Colpi di pistola e di fucile in aria, le grida dei presenti, la fuga rocambolesca prima dell'arrivo delle forze dell'ordine. Ma sono bastati pochi mesi ai carabinieri per ricostruire quanto successo. E così, su indicazione della Procura, sono scattate sette ordinanze di custodia cautelare: sei di loro sono già stati arrestati, il settimo è ricercato ma presto potrebbe fare la stessa fine dei parenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla e Ines, la tragedia sulla strada per le vacanze

  • Si sente male nel suo locale, ristoratore bresciano muore mentre sta lavorando

  • Coronavirus, in Lombardia via libera a calcetto e discoteche

  • Travolta in allenamento, è morta Roberta Agosti: era la compagna di Marco Velo

  • Esce a buttare lo sporco e non torna: scomparsa giovane mamma bresciana

  • Si appoggia a un masso e precipita nel vuoto: addio a Saverio

Torna su
BresciaToday è in caricamento