A Brescia per ricattare imprenditori agricoli: arrestati due mafiosi

In manette due uomini legati a filo doppio alla 'ndrangheta calabrese: ricattavano imprenditori agricoli, a Nuvolera e Azzano Mella. Quattro arresti anche in Calabria, legati alla stessa cosca mafiosa

Dalla Calabria alla provincia di Brescia, per gestire e svolgere attività mafiosa. Due arresti nel bresciano, due uomini legati a filo doppio con la ‘ndrangheta calabrese, e che avevano la loro base proprio a San Martino di Taurianova, terra di cosche come le famiglie Zappia e Ciancimino.

In trasferta a Brescia, nelle campagne della provincia. Al momento solo una vittima accertata, nei pressi di Nuvolera: un imprenditore agricolo veniva ‘plagiato’, e costretto a versare una sorta di pizzo, mese dopo mese e anno dopo anno.

Non una grande cifra, poco più di 200 euro al mese, ma il ‘marchio’ pesantissimo di un fare mafioso, diffuso con le stesse modalità anche nella Bassa, ad Azzano Mella, dove è andato in scena il secondo arresto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Indagini che proseguono, mentre dalla Calabria arriva notizia di altri quattro arresti, sempre legati al raggio d’azione della stessa cosca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo focolaio bresciano: positivi 15 ragazzi, sono tutti in isolamento

  • Uccide una bimba travolgendola sulle strisce: padre di famiglia in manette

  • Tragico schianto sulla 45bis: auto schiacciata da un camion, morto il conducente

  • Animatore del grest positivo al coronavirus, bambini e ragazzi in isolamento

  • Bimba travolta e uccisa sulle strisce: l'automobilista si è costituito

  • Auto precipita per decine di metri, morto il medico Giorgio De Thierry

Torna su
BresciaToday è in caricamento