Si finge Andrea Pirlo per imbucarsi alle feste e comprare abiti e gioielli di lusso

Nei guai un 48enne ex orafo: sfruttava la somiglianza fisica con il calciatore bresciano per fare incetta di vestiti griffati e gioielli preziosi, senza però saldare i conti. Almeno 5 gli episodi sospetti

Un copione pare ripetuto più volte, grazie al quale il truffatore ha messo le mani su abiti e gioielli di lusso, ma senza sborsare un euro. Prima la telefonata alle boutique più prestigiose di diverse città italiane, spacciandosi per l'ex centrocampista Andrea Pirlo, poi gli acquisti folli e il ritiro dei capi da parte della fidanzata che si spacciava per un collaboratrice del calciatore bresciano. La donna passava a ritirare la 'spesa' dicendo che a saldare i conti salati ci avrebbe poi pensato l'ex nazionale. 

La denuncia del vero Andrea Pirlo

Con questo meccanismo Alessandro Palazzolo, 48enne originario di Valenza Po, in provincia di Alessandria, ha truffato almeno 5 negozi a Torino, Napoli e pure a Brescia. Ad incastrare il falso Andrea Pirlo ci ha pensato proprio l'ex centrocampista, che sarebbe stato contattato dai negozi in cui il falso Pirlo aveva fatto dispendiosi acquisti per pagare i conti.

Dopo la denuncia sono scattate le indagini della Digos di Torino. I poliziotti hanno rintracciato il telefono usato dal truffatore per contattare le boutique. Il 48enne, ex orafo, non si è infatti mai presentato di persona nei negozi, ma mandava la fidanzata, una 42enne di Pavia, che è denunciata in concorso.

Una vaga somiglianza fisica

I raggiri sarebbero avanti per oltre due anni, e nel mirino del 48enne non sarebbero finiti solo boutique e negozi di gioielli: sfruttando una vaga somiglianza fisica, si sarebbe pure spacciato per il fratello del calciatore per imbucarsi in una festa esclusiva e non avrebbe neppure esitato a contattare il medico di famiglia dell'ex centrocampista per ottenere una visita specialistica in tempi brevi.

Dopo la denuncia per truffa e sostituzione di persona, sono state passate al setaccio le case della coppia. Il sospetto degli inquirenti è che l'uomo abbia messo a segno altre truffe, per questo motivo stanno valutando di chiedere l’emissione di una misura di prevenzione.

Potrebbe interessarti

  • Le 5 migliori piante antizanzare

  • Biscotto di anguilla, baguette di lumache: i migliori ristoranti bresciani per il Gambero Rosso

  • La dieta detox per tornare in forma e depurare l’organismo

  • Abbandono di rifiuti: 200.000 euro di multe in un anno, arrivano le fototrappole

I più letti della settimana

  • Scomparso nel lago da tre giorni, ritrovato sano e salvo

  • Frontale in galleria: morta la moglie di un noto industriale

  • Commerciante e padre di famiglia, muore il giorno del suo compleanno

  • Fa il bagno nel lago e non torna più a riva: ricerche in corso

  • Morte di Jennifer, la donna che l’ha investita accusata di omicidio stradale

  • Bimba di poco più di un mese si spegne in ospedale: "E' volata in cielo"

Torna su
BresciaToday è in caricamento