Tragedia sfiorata al cenone di Capodanno: 13 persone avvelenate e intossicate

Tragedia sfiorata in un’abitazione di Alfianello: sono 13 le persone ricoverate in ospedale per un’intossicazione (con avvelenamento) da monossido di carbonio, durante il cenone di Capodanno

Capodanno purtroppo indimenticabile in una casa di Via Don Pietro Gnocchi ad Alfianello: prima tre e poi altre dieci persone si sono sentite male la notte del 31 dicembre, tutti in ospedale (per fortuna niente di grave, adesso stanno tutti bene) a causa di un’intossicazione da monossido di carbonio. Si sarebbero sentiti male a causa del camino acceso, con le finestre chiuse.

Il primo allarme alle 20.30: sono tre gli ospiti che cominciano ad avvertire i primi giramenti di testa. Una condizione che persiste, e che li convince a raggiungere l’ospedale più vicino per un controllo: qui viene diagnosticata una lieve intossicazione, per avvelenamento da monossido.

A seguito degli accertamenti sui primi tre ricoverati, dal nosocomio di Manerbio è stato allora lanciato l’allarme per tutti gli invitati: sul posto sono arrivate quattro ambulanze e un’automedica, che hanno provveduto al trasporto in ospedale. I ricoverati sono stati poi sottoposti al trattamento in camera iperbarica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

Torna su
BresciaToday è in caricamento