Adro: per il Riesame il sindaco Lancini può tornare in libertà

La decisione venerdì mattina. Lancini era ai domiciliari dall'8 novembre

Torna in libertà Oscar Lancini, il sindaco leghista di Adro agli arresti domiciliari dall'8 novembre scorso. Lo ha deciso venerdì mattina il Tribunale del Riesame di Brescia.

Lancini è accusato di essere il perno di un sistema di appalti truccati allo scopo di favorire alcuni impresari amici. Nell'inchiesta sono coinvolti anche il responsabile dell’area tecnica Leonardo Rossi, l'assessore Giovanna Frusca e gli imprenditori Emanuele Casali e Alessandro Cadei.

RIFIUTI TOSSICI, PECULATO E VILIPENDIO AL CAPO DELLO STATO: L'EPOPEA OSCAR LACINI

Secondo l'accusa, dal primo gennaio 2009 solamente per la realizzazione del polo scolastico 'Gianfranco Miglio', la scuola divenuta famosa perchè tappezzata con il simbolo del Sole delle Alpi, l'amministrazione comunale avrebbe seguito le regole sugli appalti. Invece il resto delle opere costruite ad Adro avrebbe seguito il metodo "amici", senza che fossero applicate le procedure previste dalla legge.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Devi far sesso con me, ma voglio i soldi": si rifiuta, lei lo butta giù dalla finestra

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Emergenza coronavirus: scuole chiuse in tutta la Lombardia

  • Coronavirus, Lombardia 'blindata": scuole chiuse, bar e locali off limits dalle 18

  • Coronavirus in Lombardia: 100 persone a rischio, 70 vanno in quarantena

Torna su
BresciaToday è in caricamento