Acqua infetta dai rubinetti, ma il Comune si dimentica di avvisare i residenti

Una decina di famiglie senza ordinanza: “Nessuno l'ha bevuta, ci siamo informati da soli”. Ma in paese è polemica

Non è ancora finita l'emergenza acqua potabile a San Felice del Benaco: mercoledì mattina sono programmate nuove analisi. Ma il fronte delle ordinanze di divieto si allarga anche a Salò, come già successo per Manerba: ci sono infatti alcune case (in tutto una decina di famiglie) che al confine tra i due paesi si “abbeverano” appunto dall'acquedotto di San Felice, nella strada omonima e poi in Via della Scala.

Le ordinanze urgenti che vietano anche in quelle zone il consumo per uso alimentare dell'acquedotto sono state pubblicate e inviate in serie ai residenti, martedì pomeriggio. Certo non mancano le polemiche, in particolare sul ritardo dell'intervento amministrativo: l'ordinanza di San Felice, che vieta il consumo dell'acqua del rubinetto per la presenza di Norovirus, è datata 28 giugno scorso.

A puntare i piedi sono proprio quelli che sul confine ci vivono: “Il comportamento del Comune di Salò, per l'ennesima volta, mi ha dimostrato quanto poco gli importi della periferia”, ha scritto Maria Eugenia Bonomini, che abita proprio in Via San Felice.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Baci alla ragazza, finisce a processo: "Non sapevo avesse appena 12 anni"

  • Nipote 43enne muore dieci giorni dopo la zia: lavoravano nello stesso negozio

  • Malore al bar: si accascia a terra e muore sotto gli occhi di barista e clienti

  • Le lacrime per mamma Laura, stroncata da un tumore a soli 38 anni

  • Stroncata dalla malattia in poco tempo, mamma Michela muore a 43 anni

  • Ex birreria distrutta dalle fiamme: l'ipotesi di un incendio doloso

Torna su
BresciaToday è in caricamento