Profughi: in attesa delle graduatorie ecco i comuni che hanno fatto richiesta

Entro 2-3 mesi sarano pubblicate le graduatorie per chi ha fatto richiesta di accogliere gli immigrati; complessivamente nella nostra provincia ne arriveranno ancora un centinaio

Sul territorio bresciano attualmente sono ospitati 1.340 profughi in 70 diversi comuni. A questi se ne aggiungerà presto, entro un paio di mesi, forse tre, un altro centinaio. In attesa della pubblicazione della nuova graduatoria (a livello nazionale saranno circa 10mila gli immigrati ai quali trovare una sistemazione) si conoscono i comuni che hanno presentato la richiesta. 

Oltre all’ente-Provincia, i comuni che hanno aderito al bando dello Sprar, il Servizio di protezione per richiedenti asilo e rifugiati gestito dal Ministero dell’Interno, sono quelli di Collebeato, Calvisano, Castegnato, Corte Franca, Flero, Passirano, Iseo, Palazzolo sull’Oglio e Gussago, e la Comunità montana della Valtrompia. Le cooperativa coinvolte Adl Zavidovici, K-Pax, Il Mosaico, Fraternità, Clarabella e Concordia. L’elenco è riportato stamane sulle colonne di Bresciaoggi.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ogni cooperativa che ha aderito al bando ha dovuto presentare un programma per l’insegnamento della lingua italiana e per il graduale inserimento nella società, comprese iniziative di affiancamento lavorativo ad esempio nel settore pubblico. In cambio il Ministero rimborserà le cooperative, tramite il passaggio attraverso i comuni, con circa 35euro al giorno per vitto e alloggio e programmi di accoglienza. Altri bandi sono allo studio in queste settimane, ad esempio quello per l’ospitalità di minori. Da ricordare invece che l’affidamento di immigrati a singole famiglie è possobile solo dopo il riconoscimento dello status di rifugiato politico o per protezione umanitaria e sussidiaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si sente male nel suo locale, ristoratore bresciano muore mentre sta lavorando

  • Travolta in allenamento, è morta Roberta Agosti: era la compagna di Marco Velo

  • Esce a buttare lo sporco e non torna: scomparsa giovane mamma bresciana

  • Intrappolato nel sottopasso, ragazzo di 30 anni rischia di annegare in auto

  • Bimba travolta e uccisa sulle strisce: l'automobilista si è costituito

  • Coronavirus in provincia di Brescia: i contagi Comune per Comune

Torna su
BresciaToday è in caricamento