"Ho camminato per chilometri nella notte, Keita mi ha offerto ospitalità"

Scomparsa per 11 giorni, poi il ritrovamento a Rezzato, adesso il ritorno a casa. La 37enne Sara Capoferri racconta della sua esperienza, e chiede scusa: "Voglio dare una svolta alla mia vita"

Sara è tornata a casa, undici giorni dopo. Ai carabinieri ha raccontato tutto, e ora tutto torna: rimane solo una macchia irrisolta nell'intricato mistero, chi possa essere stato (e soprattutto per quale motivo) ad aver tagliato le gomme e poi dato fuoco alla sua Nissan Micra, lasciata nelle campagne di Berlingo dopo che le era finita la benzina.

Non è rimasta a Palazzolo, è tornata a Sarnico insieme alla famiglia. E qui ha deciso di raccontare come è andata, cosa le è successo. Sara Capoferri era scomparsa dal 21 febbraio scorso, è stata ritrovata a Rezzato nel pomeriggio di sabato, dopo essere stata avvistata in un bar del paese.

I militari l'hanno recuperata in compagnia di un amico: erano rimasti impanati nel fango con l'auto, in una stradina di campagna della frazione di Virle. Ora l'incubo è finito, per lei e per la sua famiglia. Decisive nel ritrovamento della giovane madre le testimonianze di Karishan Dandyan di Prevalle e di Graziano Forti di Rezzato.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vomita sangue in classe, muore dopo essere stato dimesso: 5 medici a processo

  • Serpente di un metro e mezzo in classe: panico tra i bimbi della scuola elementare

  • Parcheggia l'auto, poi cammina in mezzo all'autostrada: ucciso da un tir

  • Fabio Volo nella bufera per i commenti su Ariana Grande: la sua replica

  • Attraversa l'autostrada, ucciso da un tir: famiglia devastata, era padre di due bimbi

  • Aperitivi e cocaina: arrestato barista, chiuso il locale

Torna su
BresciaToday è in caricamento