Uccisa e fatta a pezzi dal fidanzato, la battaglia infinita della mamma

L'odissea giudiziaria di Gigliola Bono, a quasi 30 anni dal terribile omicidio della figlia Monia, uccisa e fatta a pezzi dal fidanzata. L'uomo è libero dopo meno di 11 anni di carcere

Uccisa una seconda volta: non ha dubbi Gigliola Bono, a quasi 30 anni da quel terribile giorno. Era il 13 dicembre del 1989 quando la figlia Monia Del Pero, allora giovanissima, venne letteralmente fatta a pezzi dal fidanzato. Il ragazzo venne preso, arrestato e condannato: 10 anni e 8 mesi di carcere prima della sua definitiva libertà.

Negli anni non sono mancati i commenti sulla pena giudicata forse troppo “lieve”. Ma la battaglia di mamma Gigliola adesso è un'altra: ottenere un risarcimento dallo Stato per quanto accaduto. Sono anni che la cosa rimbalza tra un tribunale e l'altro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La richiesta risale al 2011, al Ministero dell'interno che però rimanda la competenza al Tribunale amministrativo di Brescia, insomma al Tar. Anche qui nulla accade, e la vicenda finisce sui tavoli del Consiglio di Stato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Economia bresciana in lutto: è morto l'imprenditore Giuliano Gnutti

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 1 aprile 2020

  • Arresto cardiaco, muore nella sua auto: era in malattia e aveva la febbre

  • Una famiglia distrutta dal Coronavirus: in poche ore morte tre sorelle

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 2 aprile 2020

  • Coronavirus: morto cassiere di 57 anni, supermercato chiuso per lutto

Torna su
BresciaToday è in caricamento