Prete condannato per violenze e abusi torna in tribunale per l'Appello

Condannato a 4 anni e 9 mesi di reclusione per violenza sessuale su minori: avrebbe abusato di cinque ragazzini di età compresa tra i 12 e i 16 anni. Il 21 settembre Mauro Inzoli ancora in tribunale

Condannato a quattro anni e nove mesi di reclusione per violenza sessuale su minori, tornerà in aula il 21 settembre prossimo davanti ai giudici della Corte d'Appello di Brescia. E' stata infatti fissata la data per la nuova udienza (appunto, in appello) per l'ormai ex don Mauro Inzoli, sacerdote cremonese che è stato definitivamente “spretato” la scorsa primavera.

Il motivo: una condanna in primo grado con accuse pesantissime, arrivata nel giugno del 2016. Condanna in cui sarebbero state confermate le accuse di violenza sessuale nei confronti di cinque ragazzini, tutti minorenni all'epoca dei fatti, di età compresa tra i 12 e i 16 anni.

Inzoli avrebbe approfittato della sua posizione e della sua autorità per portare a compimento gli abusi e le violenze. La condanna in primo grado non lascia dubbi: 4 anni e 9 mesi. Adesso Inzoli ricorre in appello. Se ne riparlerà al primo giorno d'autunno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Coronavirus, contagiati altri due bresciani: primo caso sospetto in città

  • Incidente a Pozzolengo: neonato di Lonato muore in ospedale

  • "Non so come l'ho preso": parla la ginecologa positiva al coronavirus

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Secondo caso bresciano di Coronavirus: è una ginecologa di 36 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento