Manuel: “Ho sferrato io le 60 coltellate”, Giulia invece non parla

Manuel Rossi e Giulia Taesi

“Ho sferrato io le 60 coltellate”. Nel corso dell'interrogatorio di convalida del fermo, il 28enne Manuel Rossi ha ribadito di essere lui l’autore del barbarico omicidio di Riadh Belkahala, il 48enne tunisino ucciso nelle campagne di Erbusco.

Assieme a Rossi, davanti al gip c’era anche la giovane fidanzata Giulia Taesi, 21 anni, che si è invece avvalsa della facoltà di non rispondere.

Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, all’origine del delitto ci sarebbe un debito di droga di 1.000 euro, soldi dovuti dalla coppia a Riadh Belkahala.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Baci alla ragazza, finisce a processo: "Non sapevo avesse appena 12 anni"

  • Nipote 43enne muore dieci giorni dopo la zia: lavoravano nello stesso negozio

  • La tragica fine di Francesca: picchiata e strangolata al parco pubblico

  • "L'ha massacrata a mani nude, poi è andato al bar": il killer è appena diventato papà

  • Malore al bar: si accascia a terra e muore sotto gli occhi di barista e clienti

  • Le lacrime per mamma Laura, stroncata da un tumore a soli 38 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento