Terrorismo: un “like” su Facebook diventa un indizio di colpevolezza

Lo strano caso di Gaffur Dibrani, 24enne di Fiesse già arrestato per apologia di terrorismo, poi scarcerato ed espulso dall'Italia: la Cassazione dà ragione alla Procura e chiede di nuovo il carcere

Meno di sei mesi fa era stato ufficialmente scarcerato, su disposizione del Tribunale del Riesame dopo il primo arresto da parte della Digos e la richiesta di custodia cautelare da parte della Procura di Brescia. Adesso però la Cassazione ha accolto il ricorso della stessa Procura, e Gaffur Dibrani – 24enne di Fiesse ma di origini kosovare – di conseguenza dovrebbe essere nuovamente incarcerato.

Certo non va dimenticato un dettaglio non da poco: Dibrani era stato fisicamente scarcerato dopo una quindicina di giorni, e immediatamente espulso dall'Italia. In attesa di un nuovo pronunciamento del Riesame, il 24enne per tornare in carcere a Brescia dovrebbe essere prelevato dal suo Paese d'origine.

Una vicenda complicata: è la sesta volta che il suo caso viene discusso in un'aula di tribunale. Accusato di apologia di terrorismo per aver messo un “like” di troppo su Facebook, cliccando e condividendo anche video in cui sfilavano i soldati del Califfato.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale: un morto, un ferito grave e 8 chilometri di coda

  • Musicista bresciano accoltellato fuori da un locale

  • Pontevico, apre nuovo supermercato ALDI: tutte le informazioni

  • Si schianta in moto, ragazzo finisce sotto un camion: è gravissimo

  • Corpo riverso sul tavolino, ragazzo bresciano trovato morto in casa

  • La fame di supermercati non si placa: nuovo punto vendita in arrivo

Torna su
BresciaToday è in caricamento