Cade dalla staccionata e muore: "Non è incidente, l’ha ucciso la vicina di casa"

Clamorosa svolta nel processo per la morte di Fulvio Ferremi, il 71enne falegname di Preseglie morto due anni fa a una settimana dal ricovero in ospedale. Non sarebbe stato un incidente, ma un omicidio preterintenzionale

Foto d'archivio

Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Brescia ne ha rigettato l’archiviazione, accogliendo così le richieste della famiglia: Fulvio Ferremi non sarebbe morto a causa di un incidente, ma sarebbe la vittima di un omicidio preterintenzionale. Lo scrive il Giornale di Brescia, la vicenda risale a poco più di due anni fa.

Tutto accadde a Preseglie: Ferremi morì in ospedale, in Poliambulanza, una settimana dopo essere stato ricoverato per una brutta caduta, a seguito di un litigio con la vicina di casa con cui da tempo non scorreva buon sangue. Da una prima ricostruzione si pensò all’incidente: l’uomo cadde da una staccionata e batté la testa. Aveva 71 anni.

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

  • Lo spioncino digitale per la porta di casa

I più letti della settimana

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Offlaga: parte un colpo di fucile, morto il 19enne Riccardo Moretti

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

  • Da un piccolo allevamento a un impero da 50 milioni: morta Elvira Crescenti

Torna su
BresciaToday è in caricamento