Cade dalla staccionata e muore: "Non è incidente, l’ha ucciso la vicina di casa"

Clamorosa svolta nel processo per la morte di Fulvio Ferremi, il 71enne falegname di Preseglie morto due anni fa a una settimana dal ricovero in ospedale. Non sarebbe stato un incidente, ma un omicidio preterintenzionale

Foto d'archivio

Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Brescia ne ha rigettato l’archiviazione, accogliendo così le richieste della famiglia: Fulvio Ferremi non sarebbe morto a causa di un incidente, ma sarebbe la vittima di un omicidio preterintenzionale. Lo scrive il Giornale di Brescia, la vicenda risale a poco più di due anni fa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutto accadde a Preseglie: Ferremi morì in ospedale, in Poliambulanza, una settimana dopo essere stato ricoverato per una brutta caduta, a seguito di un litigio con la vicina di casa con cui da tempo non scorreva buon sangue. Da una prima ricostruzione si pensò all’incidente: l’uomo cadde da una staccionata e batté la testa. Aveva 71 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane papà stroncato dal Coronavirus: Alessandro aveva solo 48 anni

  • Economia bresciana in lutto: nello stesso giorno muoiono due imprenditori

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune

  • Coronavirus, nel Bresciano 274 contagi e 69 decessi nelle ultime 24 ore

  • "Hai combattuto da eroe": addio a Marco, morto a soli 43 anni

  • Coronavirus, in Lombardia si muore in casa: motivi (e responsabilità) di un fallimento

Torna su
BresciaToday è in caricamento