Bimbo dimesso dall’ospedale e poi morto, indagati due medici

Venerdì mattina è attesa l’autopsia sul corpo del piccolo Christian Corso, morto a soli 3 anni il 29 dicembre scorso. Sono due i medici dell’ospedale Santobono di Napoli indagati per omicidio colposo

Sono due i medici dell’ospedale Santobono di Napoli che al momento risultano iscritti nel registro degli indagati: l’ipotesi di reato è quella di omicidio colposo. Si tratta di un atto dovuto, nell’ambito delle indagini ancora in corso sulla morte del piccolo Christian Corso, deceduto il 29 dicembre scorso per un arresto cardiaco.

Il bimbo era stato accompagnato in ospedale dai genitori il giorno prima: aveva la febbre, il mal di stomaco e la dissenteria, ma dopo un primo check up al pronto soccorso il piccolo era stato dimesso, non ci sarebbe stato bisogno di un ricovero in ospedale ma solo di un controllo medico nelle successive 24 ore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La situazione però è rapidamente degenerata. Il giorno seguente infatti il piccolo Christian ha cominciato a stare male di nuovo, a stare peggio: la mattina del 29 dicembre è stato trasferito d’urgenza in ospedale, quando ormai era già in arresto cardiaco. E purtroppo non c’è stato più niente da fare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla e Ines, la tragedia sulla strada per le vacanze

  • Si sente male nel suo locale, ristoratore bresciano muore mentre sta lavorando

  • Coronavirus, in Lombardia via libera a calcetto e discoteche

  • Scontro mortale in autostrada: decedute due sorelle bresciane

  • Si appoggia a un masso e precipita nel vuoto: addio a Saverio

  • Esce a buttare lo sporco e non torna: scomparsa giovane mamma bresciana

Torna su
BresciaToday è in caricamento