Ergastolo per l’omicidio della moglie, svolta clamorosa: si riapre il processo

Il caso Bugna-Lorandi improvvisamente si riapre: accolta la richiesta di revisione del processo per Bruno Lorandi, in carcere da 10 anni e condannato all'ergastolo per l'omicidio della moglie Clara

In carcere da dieci anni e condannato all'ergastolo per l'omicidio della moglie: il prossimo anno si riaprirà il processo a carico di Bruno Lorandi, ex marmista ormai 68enne di Nuvolera accusato di aver ucciso (il 10 febbraio del 2007) la moglie Clara Bugna, che all'epoca aveva 54 anni. Lo scrive il Giornale di Brescia: è stata accolta la richiesta di revisione del processo.

Sarà la Corte di Appello di Venezia il 1 marzo prossimo a ridiscutere di pena e accuse. Una vicenda di cui non si è mai smesso di parlare: lo stesso Lorandi, in carcere prima a Brescia, poi ad Alessandria e infine a Verona (a Montorio), ha gridato più volte su carta la sua innocenza, scrivendo perfino al presidente della Repubblica e pure al Papa.

Una storia piena di ombre, e che comincia da lontano. Nel 1986 il giovanissimo Cristian Lorandi, figlio di Bruno e Clara, venne trovato senza vita sulle montagne appena sopra casa. Aveva soltanto 10 anni. Il padre già allora venne accusato di omicidio: arrestato e processato, poi assolto per insufficienza di prove.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Serpente di un metro e mezzo in classe: panico tra i bimbi della scuola elementare

  • Parcheggia l'auto, poi cammina in mezzo all'autostrada: ucciso da un tir

  • Fabio Volo nella bufera per i commenti su Ariana Grande: la sua replica

  • Ucciso dal cancro: fino all'ultimo Luca ha voluto gli amati cani al suo fianco

  • Donna trovata morta nel canale: potrebbe essere stata uccisa

  • Attraversa l'autostrada, ucciso da un tir: famiglia devastata, era padre di due bimbi

Torna su
BresciaToday è in caricamento