Latte contaminato da sostanza cancerogena: maxi sequestro e 30 indagati

La Procura di Brescia ha iscritto più di 30 persone nel registro degli indagati con l’accusa di adulterazione e contraffazione di sostanze alimentari. Si tratta di allevatori e responsabili di caseifici che, secondo quanto raccolto finora dall’inchiesta del sostituto procuratore Ambrogio Cassiani, avrebbero usato per fare il formaggio del latte contaminato da aflatossine, sostanza cancerogena prodotta da funghi che aggrediscono il mais.

Ecco in che modo
il latte viene contaminato

Quattromila forme di Grana Padano contenti valori di aflatossine fuori norma sono state sequestrate dai Nas. Sarebbero pochi i caseifici che avrebbero rifiutato il latte contaminato: tra questi il caseifico Ambrosi e la Centrale del Latte, gli unici due ad aver comunicato all’Als i valori troppi elevati della sostanza. Due vere e proprie gemme nel deserto: infatti, pare che nemmeno i 3 centri di analisi accreditati in provincia e l'Istituto Zooproifilattico si siano accorti di nulla. L’inchiesta si sta ora estendendo anche alla provincia di Mantova e Cremona.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Droga a scuola: quattro arresti e due denunce

    • Cronaca

      Rapina al market bio: lama del taglierino contro una 21enne

    • Cronaca

      Aborto: il caso-Iseo alla ribalta nazionale

    • Eventi

      Eventi: cosa fare a Brescia e provincia dal 24 al 26 marzo 2017

    I più letti della settimana

    • Moniga del Garda: imprenditore si toglie la vita nel capannone della sua azienda

    • Alle porte della città una discarica abusiva da 40.000 tonnellate di rifiuti

    • Genivolta: trovato morto il 29enne Marco Sossi

    • Giallo sulla morte del giovane Marco, la madre: "Me l’hanno ucciso"

    • Tragedia in famiglia: giovane donna trovata impiccata in casa

    • Terrificante frontale: ragazza estratta dalle lamiere in gravi condizioni

    Torna su
    BresciaToday è in caricamento