Tassa sui rifiuti: a Brescia sospeso il pagamento fino al 31 maggio

Sospeso a Brescia il pagamento della Tari, la tassa sui rifiuti: tutte le scadenze sono state rinviate al 31 maggio prossimo

Sono state tutte rinviate al 31 maggio le scadenze relative al pagamento della Tari, la tassa dei rifiuti. Lo rende noto il Comune di Brescia con un breve comunicato: “Si stanno riscontrando in questi giorni dei recapiti di avvisi di accertamento per la Tari – si legge – Questi avvisi sono stati generati e inviati per la spedizione nelle prime settimane di febbraio, molto prima che scattassero le misure per l’emergenza in corso”.

“Si avvisano quindi tutti i contribuenti interessati – fa sapere il Comune – che a seguito della successiva emanazione dei Decreti legge per arginare l’epidemia di Covid-19, tutte le scadenze riportate negli stessi sono rinviati al 31 maggio prossimo”.

Informazioni e contatti

Non c’è quindi alcuna urgenza di provvedere né al pagamento né ad eventuali contestazioni. Nel caso in cui i contribuenti volessero comunque informazioni in merito, potranno contattare i servizi all’indirizzo mail controllitari@comune.brescia.it oppure ai numeri di telefono 030 2978297, 030 2978291, 030 297619, 030 2978295. 

Che cos’è la Tari

La Tari è la tassa sui rifiuti, istituita per legge alla fine del 2013: è dovuta da chiunque, persona fisica o giuridica, a qualsiasi titolo (proprietà, usufrutto, locazione, etc) occupi o detenga locali o aree, coperte o scoperte, a qualsiasi uso adibite nel territorio comunale. Rappresenta il corrispettivo per il servizio di smaltimento dei rifiuti urbani e assimilati, e sostituisce il precedente balzello noto come Tares.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le tariffe per le utenze domestiche

La tariffa si compone di una parte fissa (euro per metro quadrato all'anno) e di una parte variabile (euro all'anno). Per le famiglie il cui nucleo ha un solo componente la parte fissa di 0,930 e quella variabile di 27,445, per un nucleo da 2 componenti 1,093 la fissa e 51,173 la variabile, per 3 componenti 1,221 e 60,036, per 4 componenti 1,325 e 68,898e, per 5 componenti 1,430 e 66,782, per 6 componenti e oltre 1,511 e 78,675.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Palazzo Salvi Bonoris: lo storico immobile all’asta per 2,668 milioni di euro

  • Come combattere l'invasione delle formiche in casa

  • Seconde case, altro che ferie: per un bresciano su quattro è solo un investimento

  • Cosa sono i giardini verticali e come realizzarli

  • Come risparmiare in casa con le lampadine a led

  • Come scegliere le zanzariere per casa: i modelli in commercio

Torna su
BresciaToday è in caricamento