Condizionatore in casa e amici a 4 zampe: 10 consigli utili per il loro benessere

Un decalogo di buone pratiche per far star bene i nostri amici animali anche in casa, quando fa caldo e i climatizzatori sono accesi

L’estate 2019 sta infuocando tutta l’Italia, e chissà se in futuro non sarà ancora peggio, con temperature roventi e senza concedere una tregua dall’afa, nemmeno durante la notte. Troppo caldo non solo per gli uomini ma anche per gli animali domestici, che durante la stagione più calda iniziano a mostrare la loro insofferenza con alcuni chiari segnali come fuggire negli angoli meno caldi della casa e tentare di rinfrescarsi allungandosi sul pavimento.

Per aiutare gli amici a quattro zampe Desivero.com - la prima piattaforma multicanale di soluzioni e professionisti del settore idrotermosanitario - mette l’accento sull’importanza di un corretto utilizzo dei condizionatori e climatizzatori e crea il decalogo per assicurare il benessere di tutti gli abitanti della casa. 

1. Dove dorme il tuo cucciolo

Il vostro amico a quattro zampe si allontana spesso dall’aria condizionata o al contrario si corica sempre davanti ai bocchettoni in cerca di una fresca brezza? Il motivo è facilmente riconducibile a un clima inadeguato all’interno della casa, perché anche gli animali soffrono molto gli improvvisi sbalzi di temperatura e per comprendere quanto alzare o abbassare l’aria condizionata è sufficiente osservare i loro comportamenti. 

2. Conoscere il proprio animale

Non tutti gli amici a quattro zampe sono uguali, sia per dimensione che per tipologia di razza. I cani per esempio hanno bisogno di più refrigerio dei felini perché la loro attività muscolare genera più calore. Per questo, se si hanno sia un cane che un gatto e la possibilità di separarli in ambienti distinti della casa, è consigliabile optare per una temperatura leggermente più bassa per l’habitat del cane.

3. Temperatura glaciali no grazie

La temperatura impostata all’interno della propria casa è spesso oggetto di discussione e quasi sempre ci si dimentica che non è abitata solo da noi umani. Secondo l’ASPCA, l’American Society for the Prevention of Cruelty to Animals, la temperatura ideale che può soddisfare padroni e animali è tra i 21 e i 26 gradi, non eccessivamente fredda, compatibile con cani e gatti ma soprattutto salutare per tutti gli inquilini. Per fortuna la tecnologia di oggi ci può aiutare a gestire il tutto anche fuori casa, grazie ad apparecchiature sempre più evolute e domotiche.

4. Condizionatore e ventilatore

Per molti il ventilatore è sinonimo di aria condizionata, ovvero uno strumento per far circolare l’aria in una stanza anche senza una vera funzione di raffreddamento.  Un errore frequente perché non si è a conoscenza degli effettivi benefici di un impianto di climatizzazione, come per esempio la purificazione dell’aria, il risparmio energetico e la coibentazione di tutta la casa, né tantomeno i rischi che si possono correre con un ventilatore acceso, soprattutto se si hanno ospiti a quattro zampe. Uno dei casi più frequenti è l’irritazione agli occhi a causa delle forti correnti d’aria, una brezza innocente che sposta facilmente polvere e acari, e gli spiacevoli incidenti con le lame, nonostante le reti protettive, di cui sono vittime spesso i cuccioli di casa

5. Acqua sempre a portata di zampa

Anche se l’ambiente di casa è sempre fresco e ventilato, è comunque sempre necessario lasciare una maggiore quantità d’acqua per i nostri amici a quattro zampe, magari posizionando più ciotole in tutta l’abitazione in modo che sia sempre “à porter”.

6. Vietati i rumori

Noi umani riconosciamo facilmente tutti i rumori di casa, stessa cosa gli animali, ma solo quelli percepiti tutti i giorni come l’apertura di porte, la chiusura di persiane o tapparelle, l’accensione di frigoriferi o lavatrici. Sono sconsigliate però ventole e motori troppo rumorosi che possono spaventare e intimorire i padroni di casa a quattro zampe. Per fortuna anche in questo caso la tecnologia di oggi viene in aiuto e potrebbe essere l’occasione giusta cambiare il vecchio condizionatore con un modello più nuovo, più funzionale, silenzioso e sicuramente con maggior efficienza energetica e bassi consumi.

7. Aprite quella porta

Non tutte le stanze di una casa sono provviste di un sistema di raffreddamento, soprattutto chi non possiede un sistema multi-split. È necessario lasciare aperte le porte di casa in modo che ci sia un ricircolo naturale e automatico di aria fresca in tutte le stanze e non si creino quegli sbalzi improvvisi di temperatura da un ambiente all’altro con un effetto negativo sulla salute di tutti gli inquilini.

8. Cura e pulizia

Anche il condizionatore va curato per il benessere e la salute di tutti gli abitanti della casa. Occorre fare una manutenzione costante dell’apparecchio, il filtro infatti impedisce alle impurità, che arrivano dall'esterno, di essere messe in circolo nell'abitazione. Quindi, prima di rimettere in uso il condizionatore, si deve togliere il filtro, aspirarlo e poi lavarlo sotto l’acqua corrente in modo da eliminare tutte le impurità imprigionate. 

9.  Non aver troppa fretta

Se purtroppo si è sprovvisti di condizionatore o climatizzatore, appena arrivano i primi caldi non correte all’acquisto. Spesso infatti, l’improvviso cambio climatico, ci costringe a scelte affrettate che non soddisfano a pieno le nostre esigenze. È fondamentale valutare la tipologia di casa in cui viviamo, gli infissi e la percentuale di umidità presente nelle stanze affinché venga installata la soluzione più comoda per tutti, padrone e fedele amico a quattro zampe.

10.  In viaggio

Se avete in programma una vacanza estiva è fondamentale avere la stessa cura di ambiente e temperatura anche durante il viaggio. Fondamentale mantenere l’abitacolo fresco, e non ghiacciato, avere a portata di mano una ciotola d’acqua e se il tragitto è lungo meglio fare una pausa ogni tanto. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'invasione dei ragnetti rossi in casa: ecco come liberarsene

  • Rivestimento pareti, dal legno alla pietra: protezione e design per le mura di casa

  • Come pulire casa dopo le vacanze: guida e consigli utili

  • Edilizia: dopo la crisi, la "ripresina" non basta. Produzione in aumento dello 0,1%

Torna su
BresciaToday è in caricamento