Puzza di sigaretta in casa: ecco come eliminare i cattivi odori

La puzza di sigaretta impregna la casa e i vestiti? Ecco alcune comode strategie fai da te per risolvere il problema

Per dirla alla bresciana: c'è puzza di paina. Fumare fa male, sempre e comunque: ma con l'illusione del libero arbitrio chiunque, una volta maggiorenne, può decidere se accendersi una sigaretta oppure no. In ogni caso, sia che siate voi i fumatori, o che siano i vosti compagni di vita, coinquilini e chi più ne ha più ne metta, con il passare del tempo l'odore del fumo andrà probabilmente ad impregnare le pareti e le stanze di casa, e sicuramente rimarrà “attaccato” anche a vestiti e indumenti, anche se lavati.

Domanda del giorno: ma allora come si fa a mandare via la puzza della sigaretta, la puzza di paina? Premessa doverosa: la puzza di fumo è tra le più difficili (e sgradevoli) da eliminare. I vapori e i gas del tabacco e della nicotina, penetrano nelle pareti, nei tessuti (tende, lenzuola, divani) e come detto impregnano anche i vestiti. Insomma, ce n'è da lavorare: meglio rimboccarsi le maniche.

Come eliminare l'odore del fumo: strategia fai da te

La prima mossa sembra la più ovvia, ma è da fare: aprire le finestre, sempre, tutti i giorni, almeno mezz'ora e anche d'inverno fa un po' freddo. Arieggiare gli ambienti chiusi fa bene alla casa, fa bene all'aria, ripulisce le stanze dai cattivi odori e dunque, in parte, anche dall'odore di fumo. Almeno quello più intenso. Certo rimane quello “stabile”, comunque fastidioso (quello che i fumatori, si dice, ormai non sentano nemmeno più).

Altra strategia fai da te potrebbe essere quella di utilizzare candele profumate, da accendere nelle location più "calde", quelle dove di solito viene consumato l'atto del fumare. In alternativa ci sono gli incensi, ma l'odore e più forte e deve piacere: meglio un consulto in casa o in famiglia prima di darvi allo shopping compulsivo. Metodi “usa e getta”, estemporanei, sono lo spruzzare degli spray elimina odori o dei deodoranti per ambiente.

Rimedi naturali

Ci sono tanti rimedi naturali per profumare la casa. Uno dei più semplici, e per questo più diffuso, è quello di mettere delle bucce di arancia e limone sui termosifoni quando sono accesi. In estate invece si può versare dell'aceto in un contenitore e posizionarlo a terra in un angolo della casa. Ci sono poi dei metodi diretti, per colpire all'origine: il posacenere può essere “profumato” utilizzando dello zucchero, che assorbe i residui del fumo e i cattivi odori. Oppure con dei fondi di caffè, un cucchiaio di bicarbonato, un paio di pastiglie di carbone vegetale.

Vestiti, tende e lenzuola

Già lo fate, ne siamo sicuri. Ma il metodo infallibile per far sparire la puzza di fumo, in buona parte, è senza dubbio quello di lavare tutto, ma proprio tutto, e quindi tende e tendine, cuscini e lenzuola, i rivestimenti di divani e poltrone, tutto quello che arreda ma può essere lavato in lavatrice. Per profumare il pavimento, a parte i detersivi specifici, lo si può lavare utilizzando acqua calda, aceto e bicarbonato. 

Infine, i vestiti. A volte gli indumenti rimangono impregnati, anche dopo il lavaggio. Ecco dunque qualche piccolo consiglio per risolvere l'annosa questione: mettere all'aria gli indumenti per qualche ora, riporre i vestiti nell'armadio con una bustina di lavanda, di menta o di eucalipto, chiudere i vestiti ormai “puzzolenti” in un sacchetto di plastica, aggiungere dei fogli di panno carta e due misurini di bicarbonato, agitare e lasciare agire per una notte. Solo dopo potrete procedere al lavaggio: torneranno davvero come nuovi. 

Smettere di fumare

E se invece di fare tutto questo casino fosse arrivata l'ora di smettere di fumare? Ci vuole la piena conspevolezza del fumatore però, perché altrimenti è solo un rimando, uno stop di qualche settimana (o qualche giorno) fino alla prima giornata di stress, alla prima sigaretta del collega, alla prima serata con gli amici. Nei casi estremi, anche a Brescia sono operativi i Centri per il Trattamento del Tabagismo, un servizio dell'Ats dedicato a coloro che intendono smettere l'uso del fumo di tabacco. E' possibile accedere ai Centri sia autonomamente che su invio del medico di base.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'invasione dei ragnetti rossi in casa: ecco come liberarsene

  • Rivestimento pareti, dal legno alla pietra: protezione e design per le mura di casa

  • Come pulire casa dopo le vacanze: guida e consigli utili

  • Edilizia: dopo la crisi, la "ripresina" non basta. Produzione in aumento dello 0,1%

Torna su
BresciaToday è in caricamento