Acquarello a muro, mesi di lavoro: anche Piamborno ha la sua Ultima cena

Inaugurato il giorno dell'epifania l'affresco che riproduce (e interpreta) il Cenacolo di Leonardo da Vinci: l'opera di Davide Tedeschi, tutta ad acquarello

Piccola divagazione sul tema, sul canale Casa: oggi non parliamo di arredo o di ristrutturazione, ma di una vera e propria opera d'arte. Inaugurata ormai poco più di un mese fa, il giorno dell'epifania, nella cappella feriale della chiesa di Piamborno, dopo circa due mesi e mezzo (e centinaia di ore) di lavoro. Da un'idea di Davide Tedeschi, noto pittore acquarellista camuno: grazie al suo bellissimo regalo anche Piamborno adesso ha la sua “ultima cena”.

L'Ultima cena della chiesa di Piamborno

A prima vista sembra un quadro, perché ha pure la cornice, ma invece è un affresco: è un acquarello a muro di circa 2 metri e mezzo per un metro e mezzo. L'affresco, come detto, riproduce una reinterpretazione della celebre “Ultima cena” di Leonardo da Vinci: un omaggio allo stile e alla storia di Leonardo, quando si sono concluse da poco le celebrazioni per il cinquecentenario della sua morte.

Un'opera quasi inedita, in tutta la valle e non solo, appunto realizzata utilizzando soltanto l'acquerello: dunque ancora più complicata, sia per la difficoltà di esecuzione (con un pennello che di solito si usa per i quadri, di dimensioni ben più ridotte) sia per la difficoltà nel fissaggio del colore. Anche per Tedeschi è stata una bella sfida: da sempre fedelissimo dell'acquarello, non si è smentito anche stavolta.

LND_9013-2

Il Cenacolo di Leonardo da Vinci

Ed è così che si completa l'omaggio a Leonardo, con una tecnica pittorica simile a quella del maestro toscano. Tutti conoscono il Cenacolo di da Vinci, noto ai più come Ultima cena: è un dipinto parietale ottenuto con una tecnica mista a secco su intonaco. Misura più di quattro metri e mezzo per quasi nove metri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' databile tra il 1494 e il 1498, conservato nell'ex refettorio rinascimentale del convento adiacente al santuario di Santa Maria delle Grazie a Milano. L'affresco fu commissionato da monaci, ed è ormai leggendario nel mondo: dal 1980 è considerato dall'Unesco patrimonio dell'umanità. Dal 1978 al 1999 è stato sottoposto ad uno dei più lunghi restauri della storia, durato più di 20 anni: necessario per via della singolare tecnica sperimentale utilizzata da Leonardo, purtroppo incompatibile con l'umidità dell'ambiente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Utenze e servizi: le 10 cose da sempre rimandate e che è ora di fare

  • Ordine esteriore, benessere interiore: la nuova frontiera dell’interior design

  • L’igiene familiare e la pulizia della casa ai tempi del Coronavirus

  • Le migliori app gratuite per videochiamate di gruppo

  • Tassa sui rifiuti: a Brescia sospeso il pagamento fino al 31 maggio

  • Coronavirus: alloggi gratuiti in provincia di Brescia per medici e operatori sanitari

Torna su
BresciaToday è in caricamento