Coronavirus: sarà possibile raggiungere gli orti anche se fuori casa

La nota della Regione entra nel merito della manutenzione degli orti per l’autoproduzione alimentare: sarà possibile raggiungerli anche se fuori casa

Abbiamo già scritto delle limitazioni per raggiungere i campi e i terreni agricoli di proprietà per le attività silvo-pastorali, che probabilmente proseguiranno anche dopo il 4 maggio. Ma in questi giorni Regione Lombardia ha reso nota un’ulteriore specifica, rendendo di fatto possibile lo spostamento per andare a coltivare orti e piccoli appezzamenti, anche se non si è agricoltori professionisti e anche se il fondo di proprietà non si trova nei pressi dell’abitazione. Lo ha comunicato l’assessore regionale all’Agricoltura Fabio Rolfi, in risposta alle numerose richieste arrivate degli hobbisti lombardi.

Per recarsi all’orto servirà l’autocertificazione

Chiunque sia proprietario di un terreno adibito alla produzione di alimenti, appunto un orto, potrà raggiungerlo per prendersene cura. Sarà necessario però dimostrare attraverso l’autocertificazione e tutte le indicazioni necessarie, di essere il proprietario e di aver percorso il tratto di strada più breve per raggiungerlo.

“Molti lombardi – spiega Rolfi – ce lo chiedevano e abbiamo ritenuto opportuno chiarirlo definitivamente. Troppi orti erano a rischio abbandono. Ed è giusto ricordare che per molte famiglie l’orto rappresenta non un solo un modo per passare il tempo, ma anche uno strumento di risparmio che consente di autoprodursi il cibo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

No altri Comuni o seconde case

Come specificato a livello nazionale, e in seguito anche nella nuova ordinanza regionale, rimane il divieto di spostarsi in un altro Comune per la cura di giardini e di orti di seconde case. “C’è ancora molta confusione – conclude Rolfi – ed è quindi opportuno dare un elemento di chiarezza. Si va verso una nuova normalità in cui la cura della terra sarà comunque un elemento essenziale. Con questo cerchiamo di rispondere alle esigenze dei lombardi che hanno voglia di ripartire. Tutto ovviamente in massima sicurezza”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bar, ristorante e pizzeria vista lago: il Lido Azzurro finisce all'asta

  • Seconde case, altro che ferie: per un bresciano su quattro è solo un investimento

  • Come risparmiare in casa con le lampadine a led

  • Reti smartphone e mobile, quali sono le più veloci a Brescia e in Lombardia

  • Come arredare un piccolo giardino (anche in città)

  • Brescia: al via la ristrutturazione della cupola del Santuario dei Miracoli

Torna su
BresciaToday è in caricamento