Bonus verde: detrazioni al 36% per interventi su aree verdi e giardini

Tutto quello che c'è da sapere sul Bonus verde: detrazioni Irpef fino al 36% sulle spese sostenute nel 2020 per aree verdi e giardini

Tempo di bonus anche per il nostro giardino: non solo bonus casa e affini, ma detrazioni anche per gli interventi sulle aree verdi, giardini anche pensili, terrazzi, aree all'aperto. Si chiama “Bonus verde”, ed è stato confermato nella Legge di Bilancio grazie al decreto Milleproroghe: nella pratica si traduce con una detrazione Irpef del 36% sulle spese sostenute nel 2020.

Come riferisce l'Agenzia delle Entrate, le agevolazioni per il Bonus verde sono disponibili per i seguenti interventi:

  • sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi
  • realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.

Come ottenere la detrazione

La detrazione va ripartita in dieci quote annuali di pari importo e va calcolata su un importo massimo di 5.000 euro per unità immobiliare a uso abitativo, comprensivo delle eventuali spese di progettazione e manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi. Il pagamento delle spese deve avvenire attraverso strumenti che consentono la tracciabilità delle operazioni (per esempio, bonifico bancario o postale). Potrà beneficiare della detrazione chi possiede o detiene, sulla base di un titolo idoneo, l'immobile oggetto degli interventi e che ha sostenuto le relative spese.

Tutti i vantaggi del Bonus

La detrazione massima è fissata in 1.800 euro per ciascun immobile (pari dunque al 36% di 5.000, la spesa massima detraibile). Chi fa interventi in giardino o nelle aree esterne in più immobili di proprietà, ha diritto a detrazioni per ciascun intervento in un immobile diverso. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Bonus verde spetta infine anche per le spese sostenute per interventi eseguiti sulle parti comuni esterne degli edifici condominiali, fino a un importo massimo complessivo di 5.000 euro per unità immobiliare a uso abitativo. In questo caso, ha diritto alla detrazione il singolo condomino nel limite della quota a lui imputabile, a condizione che la stessa sia stata effettivamente versata al condominio entro i termini di presentazione della dichiarazione dei redditi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Utenze e servizi: le 10 cose da sempre rimandate e che è ora di fare

  • Ordine esteriore, benessere interiore: la nuova frontiera dell’interior design

  • L’igiene familiare e la pulizia della casa ai tempi del Coronavirus

  • Brescia: tutti i parchi e i giardini chiusi fino al 3 aprile

  • Tassa sui rifiuti: a Brescia sospeso il pagamento fino al 31 maggio

  • Come coltivare un orto nel giardino di casa

Torna su
BresciaToday è in caricamento