Sanità: una nuova Tac e un nuovo mammografo per l'ospedale di Gavardo

Sono operativi da qualche settimana i nuovi macchinari in servizio alla Radiodiagnostica dell'ospedale di Gavardo: tutti i dettagli

La nuova Tac dell'ospedale di Gavardo - Foto © Bresciatoday.it

Il Servizio di Radiodiagnostica del presidio ospedaliero di Gavardo, diretto da Tiberio Evoli, è stato recentemente potenziato con due nuove apparecchiature di ultima generazione: una TAC e un mammografo acquisiti grazie a due distinti finanziamenti erogati da Regione Lombardia per un ammontare complessivo di 690.000 euro.

“Attraverso la TAC ed il mammografo di recente acquisizione – dichiara Carmelo Scarcella, Direttore Generale di ASST Garda – abbiamo rinnovato le apparecchiature a disposizione del Servizio e ampliato, grazie alle nuove potenzialità diagnostiche, l’offerta di prestazioni di un Presidio Ospedaliero, come quello di Gavardo, di fondamentale importanza in quanto punto di riferimento per i cittadini dell’intera Valle Sabbia e di tutto l’alto Garda bresciano.”

La nuova Tac (Tomografo Assiale Computerizzato)

La nuova TAC – Revolution Evo della società GE Healthcare – in funzione da giugno, è un tomografo a 128 strati che garantisce un’elevatissima velocità di acquisizione delle immagini con netta riduzione della dose di radiazioni assorbite dal paziente durante l’esame.

La nuova apparecchiatura, tecnologicamente performante, permette una migliore qualità degli esami di tutti i distretti corporei, nella radiologia interventistica e per gli esami pediatrici con riduzione del rischio di errori dovuti a condizioni particolari dei pazienti come bambini, anziani, e persone che hanno difficoltà a mantenere la posizione.  L’apparecchiatura, che ha sostituito la TAC precedentemente in uso, consente un rapido e preciso inquadramento del paziente, estremamente utile per la diagnostica d’emergenza come nel caso delle persone con politrauma. 

Il nuovo mammografo

Dal gennaio scorso il Servizio dispone anche di un nuovo mammografo in sostituzione di quello in uso, che rappresenta un significativo miglioramento nel campo della mammografia digitale, offre possibilità diagnostiche elevate, permette l’esecuzione di esami di altissima qualità grazie all’ottima definizione delle immagini acquisite in 2D, consente di eseguire mammografie con mezzo di contrasto e con tecnica tomosintesi, un sistema innovativo di diagnostica mammaria che permette di riconoscere lesioni di piccolissime dimensioni altrimenti misconosciute garantendo diagnosi precoci e interventi conservativi.

L’apparecchiatura – Hologic Selenia Dimension 3000 3D – offre una elevata ergonomicità, occupa spazi minimi, garantisce una netta riduzione della dose di raggi assorbiti dalle pazienti e offre la possibilità di adattare il sistema di compressione alla soglia soggettiva di dolore eliminando così l’apprensione ed il timore legato all’esame. Le procedure diagnostiche vengono eseguite su piattaforma digitale con una maggiore affidabilità anche in caso di procedure interventistiche, come già avviene negli altri Presidi Ospedalieri di ASST Garda.

I numeri del servizio di Radiodiagnostica

Nei primi sei mesi del 2019, all'ospedale di Gavardo, sono state effettuate 4.412 Tac, di cui 1.269 con mezzo di contrasto, 813 risonanze magnetiche, 3.841 mammografie, 4.133 ecografie, 18.848 radiografie. Nel 2018 si contano invece 8.300 Tac, più di 1.500 risonanze, più di 8.140 mammografie, più di 9.100 ecografie e un totale di quasi 41mila radiografie.

Il presidio ospedaliero gavardese è gestito dall'Asst del Garda: si trova in Via Andrea Gosa 74. Per informazioni si può contattare il centralino allo 0365 3781. Il direttore medico di presidio è il dottor Lucio Dalfini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento