Mal di testa, debolezza, pelle secca: ecco cosa fare quando la dieta non va

Dal mal di testa al gonfiore addominale, stanchezza e pelle secca: sono questi i segnali più diffusi che ci indicano come la nostra dieta sia sbagliata

Chissà quante sono le donne e le ragazze anche bresciane che hanno provato a dimagrire con una dieta fai da te, improvvisata, a sentimento: una strategia che se nella pratica, almeno all’apparenza, sembra dare i risultati sperati, in realtà potrebbe comportare rischi e carenze (anche gravi) per il nostro organismo. La dieta infatti, quella giusta, non deve essere un supplizio o un terribile sacrificio, ma solo un modo diverso per approcciarsi al cibo e all’alimentazione. Mettersi a dieta, infatti, significa sì perdere peso e rimettersi in forma, ma soprattutto trovare la giusta (e sana) alimentazione. Vediamo allora quali sono i principali segnali di una dieta che non va.

Mal di testa frequenti

Avere spesso mal di testa è un segnale molto chiaro che stai seguendo una dieta poco equilibrata. Ad esempio, uno degli effetti collaterali delle diete iperproteiche è proprio il mal di testa, ma ne possono essere causa anche troppe poche calorie o troppa caffeina. Come rimediare? Se al mattino soffri spesso di mal di testa, prova a integrare la tua colazione con una o due fette biscottate in più, magari con l'aggiunta di un velo di marmellata. Inoltre, ricordati di non saltare mai lo spuntino di metà mattina e, se senti di avere ancora fame, di integrarlo con verdure crude, che saziano aggiungendo pochissime calorie. 

Sensazione continua di stanchezza

Quando si inizia una dieta è possibile sentirsi stanchi e affamati, soprattutto perché il corpo ha bisogno di tempo per abituarsi alle novità. Ma se dopo un paio di settimane continui a sentirti sempre stanco, magari anche con difficoltà ad alzarti la mattina, probabilmente la dieta che segui è eccessivamente restrittiva per te; una dieta equilibrata, infatti, assicura al tuo organismo tutti i nutrienti e le vitamine necessarie a sentirsi bene e in forze. Che fare allora? Assicurati di seguire alla lettera il tuo piano alimentare, senza ulteriori privazioni autoimposte, ma se già lo stai facendo, probabilmente è necessario modificare la tua dieta attuale.  

Gonfiore addominale 

Avere spesso la pancia gonfia è indubbiamente un segnale che qualcosa non va nel proprio piano alimentare. Il gonfiore addominale può essere dovuto all'assenza di alcuni alimenti, all'assunzione di bevande gassate o di troppe fibre. Ricordati sempre di consumare i pasti con calma, masticando bene ogni boccone, e cerca di condurre uno stile sano a 360°, eliminando fumo e alcolici, bevendo spesso e praticando attività fisica. 

Pelle secca

Da quando hai iniziato la dieta la tua pelle tende ad essere particolarmente secca? Probabilmente, è perché assumi pochi alimenti dissetanti e idratanti, come frutta e verdura, e/o poca vitamina B. Ricorda che mangiare in modo equilibrato è fondamentale anche per la salute della pelle, che si nutre anche delle vitamine, dei nutrienti e degli oligo elementi che il nostro organismo assume attraverso l'alimentazione. Evita quindi diete troppo restrittive, e cerca sempre di seguire una dieta sana e ben bilanciata, che ti assicuri il giusto apporto nutrizionale e vitaminico. Inoltre, cerca di fare il pieno di alimenti ricchi di vitamina B (fegato, cereali integrali, legumi, frutta secca e a guscio, uova, verdure a foglia verde), che favoriscono la rigenerazione di pelle e tessuti, e non dimenticarti di bere spesso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una famiglia distrutta dal Coronavirus: in 20 giorni sono morti tre fratelli

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 1 aprile 2020

  • Ingerisce una batteria e rimane soffocata: morta bimba di tre anni

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 2 aprile 2020

  • "Nella mia Brescia tragedia di proporzioni devastanti: i nonni non ci sono più"

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 3 aprile 2020

Torna su
BresciaToday è in caricamento