Le nostre scuole cadono a pezzi, ma noi ai libri preferiamo le bombe

L'editoriale

L'Italia è un paese piuttosto strampalato, non lo scopriamo di certo nell'Anno Domini 2019. Come strampalata è la sua classe politica: da destra a sinistra, il panorama è desolante; se ne salvano in pochi e non stanno nemmeno nelle posizioni che contano.

Il risultato più evidente è la cattiva gestione delle enormi risorse, che, malgrado tutto, la nostra economia riesce ancora a produrre. Un esempio sono i soldi riservati al settore educativo: la percentuale di spesa per l’istruzione, se rapportata alla spesa pubblica totale, pone l'Italia all'ultimo gradino d'Europa. Facciamo peggio persino della Grecia, uno Stato appena risollevatosi dalla bancarotta; non serve aggiungere altro.

Intanto, nel Bresciano, è un susseguirsi di episodi pietosi (quando non pericolosi), riguardanti la condizione delle nostre scuole. L'ultimo a Rovato, con gli studenti del liceo in sciopero perché pioveva in classe. Ma, sempre restando alla cronaca delle ultime settimane, non dimentichiamo il pesante cancello che si è staccato dai cardini al Don Raffelli di Provaglio d'Iseo: nessun bambino è rimasto ferito, ma è stata solo fortuna. Le notizie riguardanti il crollo di calcinacci dal soffitto delle aule non si contano nemmeno più: Orzivecchi, Desenzano e Palazzolo nel solo mese di ottobre.

Un paese che non investe nella scuola è un paese che ha rinunciato a credere nel proprio futuro e, soprattutto, in quello dei propri figli. La colpa è innanzitutto di chi ci governa: dalla nascita della politica spettacolo, con l'avvento di Craxi a metà degli anni '80, sono ormai più di 30 anni che i partiti guardano solamente al sondaggio del dopodomani. Vengono così realizzati provvedimenti di dubbio valore, dalle mance preelettorali di Renzi al reddito di cittadinanza, e si investe in opere totalmente inutili, come il tratto TAV Torino-Lione, che tanto piace a Salvini.

Ma se tutti promettono mirabilia, naturalmente infischiandosene del rapporto deficit/pil, nessuno pensa mai di tagliare la spesa più inutile che ci sia per l'Italia, quella militare. Anzi, nel corso del 2018 è persino aumentata del 4% rispetto all'anno precedente, arrivando a quota 25 miliardi di euro. I famosi cacciabombardieri F-35, il cui acquisto il Movimento 5 Stelle (partito volubile se ce n'è uno) aveva detto di bloccare, ci costeranno in tutto 14 miliardi di euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Perché la realtà è questa: possono andare in tv o sui social a urlare quanto vogliono, ma i nostri politici contano meno di niente e, quando NATO e Stati Uniti ordinano, sono obbligati ad aprire il portafoglio per comprare schiere di armamenti che non ci servano a nulla. Sempre se non vogliamo far sedere i nostri studenti sulle ogive vuote, quando le sedie inizieranno a marcire per la pioggia caduta in classe.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente: Giulia e Claudia morte in un terribile frontale

  • Terribile incidente: ciclista sbanda e muore schiacciato da un camion

  • Nuovo supermercato dopo il lockdown: sarà aperto tutti i giorni fino alle 22

  • Si butta dalla finestra di casa, giovane uomo muore suicida

  • Coronavirus: Brescia è la prima provincia italiana per nuovi contagi

  • Va a fare la spesa, viene travolta sulle strisce: donna in fin di vita

Torna su
BresciaToday è in caricamento