Omicidio di Sana Cheema: “Processo in Italia per il padre e il fratello”

Reato di omicidio politico: è questa l’ipotesi avanzata dalla Procura per portare in Italia il processo sulla morte di Sana Cheema, uccisa a soli 25 anni

Undici persone assolte per insufficienza di prove: tra di loro anche il padre, il fratello e lo zio di Sana Cheema, la ragazza di 25 anni che nel dicembre di due anni fa è tornata in Pakistan, il suo Paese natale, e là è morta. A lungo anche la giustizia pakistana ha seguito la pista dell’omicidio, fino al processo: quando tutti sono stati assolti.

Una circostanza contestata dai magistrati bresciani, che faranno di tutto per portare il processo anche in Italia. L’ipotesi avanzata nelle ultime ore dalla Procura è quella del reato di omicidio politico: fosse così, basterebbe l’autorizzazione del Ministero dell’Interno per rendere imputati anche alla giustizia italica i già imputati in Pakistan.

Tra cui appunto il padre e il fratello di Sana, ragazza che abitava a Brescia e che in città aveva costruito relazioni e amicizie, e forse pure una relazione sentimentale. Sarebbe stata quella relazione a scatenare le ire reazionarie dei familiari, che per lei - almeno così pare - avevano già programmato il più classico dei matrimoni combinati.

Ma tutti i capi d’imputazione contestati alle undici persone indagate sono caduti in sede di processo. In particolare, per i giudici pakistani, non vi sarebbero state testimonianze (e confessioni) attendibili, né evidenze dall’autopsia che potessero far pensare a un omicidio, né il movente (anche questo giudicato non attendibile) del rifiuto del matrimonio combinato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: in Lombardia 293 nuovi contagi, a Brescia altre 8 croci

  • Terribile incidente: ciclista sbanda e muore schiacciato da un camion

  • Coronavirus: assalto per la movida, Del Bono costretto a chiudere Piazzale Arnaldo

  • Terribile schianto frontale, auto distrutte e 3 feriti: uno è grave al Civile

  • Brescia: tutte le attività commerciali aperte e che fanno consegna a domicilio

  • Si butta dalla finestra di casa, giovane uomo muore suicida

Torna su
BresciaToday è in caricamento