Allarme acari tra mobili e scaffali: attenti alle punture dello Sclerodermus

Allarme acari alla periferia della città e verso la Franciacorta: la piccola invasione dello Sclerodermus domesticus Klug

Piccolo ma fastidioso, con il suo pungiglione è in grado di provocare pruriti e dermatiti, che se non curati possono proseguire anche parecchi giorni, fino a due settimane. Certo finché non punge è visto con una discreta benevolenza: tanto utile nella lotta quotidiana ai tarli che anche la comunità scientifica lo riconosce (informalmente) come “l'amico degli antiquari”.

Fa parte della famiglia degli acari, nello specifico è lo Sclerodermus domesticus Klug: sembra una formica (volante), misura dai 2 ai 5 millimetri, uccide i fastidiosi (e pericolosi) tarli deponendo uova al loro interno. Sarebbe un compagno di stanza perfetto, lo Sclerodermus, se si limitasse a questo: e invece, come detto, punge anche l'uomo e gli animali.

In questi giorni il Giornale di Brescia scrive di una vera e propria invasione: dalla città, in particolare la zona est verso Urago Mella, e poi sul confine verso la Franciacorta, e quindi Gussago e Rodengo Saiano.

Gli acari si sarebbero insediati tra tetti e assi di legno, mobili e scaffali. Presto per parlare di emergenza, né tanto meno di numerosi interventi di disinfestazione: ma giorno dopo giorno sembra che la loro presenza stia prendendo una brutta piega. Gli esperti raccomandano la massima attenzione, ma allo stesso tempo rassicurano: gli acari come i tarli vanno a “cicli”, e superato questo non si esclude una lunga pausa, senza punture.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Ucciso dalla malattia: morte sospetta, ma è escluso il morbo della "mucca pazza"

  • Cronaca

    Si trasferiscono per lavoro, gli occupano la casa e ci fanno dentro una stalla

  • Cronaca

    Improvviso malore, morto l'imprenditore Vigo Nulli

  • Cronaca

    Rapina in casa da incubo: imprenditore minacciato con taser e martello

I più letti della settimana

  • "Hai fatto sesso con la mia fidanzata": pistola in pugno, rapisce un operaio e lo porta nei boschi

  • Cadavere carbonizzato: ad uccidere Stefania è stata la rivale in amore

  • Timbra il cartellino, ma intanto se la spassa al ristorante: licenziata in tronco

  • "Ti amo" e una rosa rossa: così ha attirato Stefania nella trappola mortale

  • Tangenziale Sud: in tre settimane più di ottomila multe con il nuovo "tutor"

  • Operaio rapito fuori dal lavoro e portato nei boschi: ricerche a tappeto

Torna su
BresciaToday è in caricamento