La mappa della prostituzione: 200 ragazze vendono in strada il proprio corpo

La mappa della prostituzione a Brescia: su strada il 90% in Via Milano e Via Vallecamonica. In un anno e mezzo elevate 125 sanzioni ai clienti, da 500 euro l'una

La mappa della prostituzione cittadina: il 90% delle ragazze e dei transessuali che si prostituisce per strada lo fa in Via Milano e Via Vallecamonica, e viuzze laterali o strade limitrofe fino a Via Industriale e Via Roncadelle. Calano invece i numeri di Via della Bornata a Viale Piave: a quanto pare molti di quei “movimenti” si sono spostati in alberghi e appartamenti.

Sono questi i dati più aggiornati sul fenomeno della prostituzione a Brescia, rilevati dalla Polizia Locale in circa un anno e mezzo di lavoro e pubblicati dal Giornale di Brescia. I numeri: in 20 mesi sono state identificate 200 persone sulla strada, praticamente una ogni tre giorni. La stragrande maggioranza sono ragazze e giovani donne, ma ci sono anche i trans. Dal punto di vista della nazionalità le più numerose arrivano dalla Romania e dalla Nigeria.

Ma se nel primo caso le ragazze sono comunitarie, e senza problemi di permessi, nel secondo invece capita spesso che non siano in regola, addirittura clandestine. E spesso sfruttate da un vero e proprio racket: la Polizia Locale fa sapere di indagini già in corso. Nell'ultimo anno e mezzo comunque sono già stati denunciati quattro presunti “aguzzini”, indagati per sfruttamento della prostituzione.

La mappa del fenomeno

Come detto, il 90% della prostituzione su strada è concentrato tra Via Milano e Via Vallecamonica. Le altre strade: Via dell'Argine, Via Industriale, Via Roncadelle e Via Sorbana. Sono in netto cale le presenze nelle zone storiche di Viale Piave e Via della Bornata. Molte ragazze vivono nell'hinterland, e vengono accompagnate sul luogo di lavoro. Gli orari: solitamente dalle 21.30 alle 3, con punte di massima presenza tra le 23.30 e l'1.

L'attività di Polizia

Nell'ultimo anno e mezzo sono state allontanate dalla città otto donne, con foglio di via obbligatorio firmato dal Questore. Quattro i transessuali (tutti brasiliani) che sono stati rimpatriati. Sono cinque le persone che sono state invece denunciate a vario titolo per risse, furti o resistenza a pubblico ufficiale. E non mancano le multe ai clienti: 91 nel 2017 e 34 nell'anno in corso. E si parla di sanzioni da 500 euro alla volta: in tutto fanno 62.500 euro. Sono più di 700 infine i “servizi specifici” della Polizia Locale nell'ambito di un controllo generale del fenomeno.

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

  • Lo spioncino digitale per la porta di casa

I più letti della settimana

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Offlaga: parte un colpo di fucile, morto il 19enne Riccardo Moretti

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

  • Da un piccolo allevamento a un impero da 50 milioni: morta Elvira Crescenti

Torna su
BresciaToday è in caricamento