Prescrizione, le minacce di Renzi: c'è ancora qualcuno in Italia disposto a credergli?

Da giorni, nella sgangherata maggioranza tiene banco lo scontro M5S-Italia Viva sulla prescrizione, che, dopo la riforma Bonafede, nei processi penali si blocca dopo il giudizio di primo grado; è entrata in vigore il 1° gennaio. 
Per paura di una durata troppo incerta, il Partito Democratico ha proposto di introdurre delle "sospensioni" dei blocchi nei tre gradi di giudizio e subito si è accesa la polemica, fino a quando è arrivata la mediazione di Leu e del premier Conte: la nuova proposta prevede il fermo solo in caso di condanna in primo grado o in appello. Insomma, nel cosiddetto "lodo Conte Bis" non c'è nulla di manettaro, anzi. Ma Renzi non ci sta ugualmente, minaccia di votare la proposta di Forza Italia (che vuole cancellare la legge) e persino di presentare una mozione di sfiducia contro Bonafede, ministro del suo stesso governo.

Stando ai dati del 2018, i procedimenti penali prescritti in Corte d’appello e Cassazione sono stati oltre 29mila: si tratta quindi di 29mila reati rimasti impuniti. Se il fatto non sussiste, non c'è infatti prescrizione ma assoluzione: la prima interviene quando il reato viene riconosciuto, ma sono scaduti i termini processuali entro i quali può essere giudicato. A beneficiarne sono soprattutto i colletti bianchi, non certo i poveri cristi: chi può permettersi un buon team di avvocati, proverà qualsiasi scappatoia processuale per arrivare alla prescrizione. Berlusconi docet

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non si possono prendere in giro i cittadini e trasformarli in imputati a vita": l'affermazione di Renzi è però poco credibile. Come spiegato, il lodo Conte Bis non è nulla di così estremo, ma una norma equilibrata: più che ai generici "cittadini imputati a vita", viene subito da pensare a dei cittadini un po' più normali degli altri e con tanti soldini in tasca (come i manager coinvolti nell'inchiesta sulla fondazione Open, per esempio). D'altra parte, nel 2016 il senatore di Scandicci aveva dichiarato: "Se vince il No al referendum finisce la mia storia politica, cambio mestiere e non mi vedrete più". Ad occhio sembra ancora ben saldo alla poltrona: c'è ancora qualcuno in Italia disposto a credergli?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente: Giulia e Claudia morte in un terribile frontale

  • Strade sommerse da un'incredibile grandinata: servono le ruspe per liberarle

  • Nuovo supermercato dopo il lockdown: sarà aperto tutti i giorni fino alle 22

  • Coronavirus: Brescia è la prima provincia italiana per nuovi contagi

  • Va a fare la spesa, viene travolta sulle strisce: donna in fin di vita

  • Drammatico schianto frontale nella notte: morte due ragazze

Torna su
BresciaToday è in caricamento