Inciampa e cade nel gradino della piazza: ora tocca a lei risarcire il Comune

La difesa annuncia ricorso in Cassazione: la vittima della caduta in Piazza Vittoria aveva vinto la causa in primo grado, sentenza poi ribaltata in appello

Era inciampata e caduta sul (purtroppo) celeberrimo gradino di Piazza Vittoria, quello che a partire dal 2014 – da quando era stata riaperta la piazza riqualificata – è già stato portato in tribunale una decina di volte. Anche la signora in questione aveva fatto causa al Comune di Brescia, chiedendo e ottenendo (in primo grado) un risarcimento di circa 4mila euro: ma la Loggia aveva resistito in tribunale, e vinto il ricorso in appello. Ribaltando la sentenza: la caduta della donna era dovuta a una sua distrazione, e non a una negligenza dell'ente pubblico.

Da qui il ribaltone anche economico: il risarcimento dovuto alla donna ora dovrà essere versato al Comune, con un peso più che doppio rispetto alla cifra originale. Lo scrive il Giornale di Brescia: la difesa dell'infortunata ha annunciato un altro ricorso in Cassazione, e ha chiesto una sospensione della sentenza perché, a fronte delle richieste economiche, se la donna dovesse risarcire si vedrebbe pignorata alcune proprietà.

Novità giudiziarie sono attese nei prossimi giorni. Al momento la sentenza che conta è quella della Corte d'Appello, secondo cui la caduta della signora è dovuta “alla condotta della signora, imprudente e distratta, non essendosi avveduta dell'esistenza del dislivello”, che ancora sarebbe stato “percepibile dall'utenza anche a distanza”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Motivazioni che in parte cozzano con la vasta gamma di cadute e infortuni che si sono registrati nelle prime settimane della nuova piazza, ma che fanno parte di una sentenza e quindi per ora – in attesa della Cassazione – sono quelle che fanno legge. A margine degli incidenti il Comune aveva comunque fatto posizionare delle borchie di metallo: il dislivello tra i gradini è di circa tre centimetri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tetti distrutti, auto schiacciate dagli alberi: i 20 minuti d'inferno della tempesta

  • Lombardia, la nuova ordinanza: via la mascherina all'aperto

  • Cadavere in montagna: risolto il 'mistero' dell'escursionista trovato morto

  • Un bimbo si sente male, al grest di paese un sospetto caso di coronavirus

  • Ubriaco al volante dell'auto, scappa dalla polizia ma finisce la benzina

  • Coronavirus, nuova allerta: ragazzo positivo al grest, tamponi e isolamento per tutti

Torna su
BresciaToday è in caricamento