Petizione online per intitolare a Nadia Toffa un reparto dell'ospedale: "Ci ha regalato speranza"

La petizione ha come obiettivo quello di dare il nome della conduttrice de "Le Iene" alla sezione Oncoematologica pediatrica dell'ospedale di Taranto

Fonte: Change.org

Dopo la morte di Nadia Toffa, avvenuta il 13 agosto scorso al termine di una coraggiosa lotta contro un tumore, è partita una petizione online sulla piattaforma Change.org ("Intitolare a Nadia Toffa reparto di Oncoematologia Pediatrica del SS.Annunziata di Taranto") che mira ad intitolarle un reparto dell'ospedale. L'appello si rivolge al governatore della Puglia Michele Emiliano e punta in particolare a dare il nome di Nadia Toffa al reparto Oncoematologico pediatrico della struttura tarantina.

Nel testo della petizione si legge che la conduttrice "era cittadina onoraria di Taranto, su delibera del Consiglio comunale. Questo il riconoscimento che le era stato dato per le sue battaglie in difesa della salute dei tarantini, e dei bambini in particolare modo, salute costantemente minacciata dall'inquinamento del polo siderurgico".

"Grazie a Nadia Toffa, Taranto ha un reparto Oncoematologico Pediatrico. Credo che sia giusto dare a questo reparto il suo nome, per ringraziarla dell’impegno e la speranza che ha regalato ai genitori e bimbi di Taranto poco fortunati". Attualmente l'appello online ha già raccolto circa 62mila firme, l'obiettivo di chi ha lanciato la petizione è quello di 75mila. Non è da escludere che anche a Brescia, sua città natale, possano nascere iniziative analoghe, dal basso.
Fonte: Today
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Devi far sesso con me, ma voglio i soldi": si rifiuta, lei lo butta giù dalla finestra

  • Tragico infortunio sul lavoro: morto giovane operaio

  • Da pochi mesi in Indonesia, morto a 42 anni Davide Savelli

  • Le prime cinque aziende bresciane per fatturato

  • E' morto Menec: la sua storica trattoria meta di celebrità e calciatori

  • Dona 6,6 milioni di euro: il gesto d'amore per il nuovo polo oncologico

Torna su
BresciaToday è in caricamento