A Salò il progetto di un museo del fascismo: "La storia è solo un'opportunità turistica"

Fa già discutere la proposta di realizzare un “Museo del Ventennio” al MuSa di Salò: per il sindaco Gianpiero Cipani si può fare, ma senza apologia e celebrazioni, “solo storia”

Un museo del fascismo in quella che è stata la capitale della Repubblica sociale italiana: lo scrive il Corriere della Sera citando il sindaco di Salò Gianpiero Cipani, che a sua volta – spiega – avrebbe accolto il suggerimento di Giordano Bruno Guerri, il presidente del MuSa, il Museo di Salò.

Ben più di una semplice idea, ma un progetto vero e proprio: ed è proprio al MuSa, all'ultimo piano della struttura in pieno centro al paese, che (probabilmente) dovrebbe essere collocato il nuovo museo del fascismo.

Certo, ad oggi non c'è un nome – si parla anche di “Museo del Ventennio” – né tantomeno una data, i rendering progettuali, il piano delle spese, il cronoprogramma dei lavori. Ma già se ne dice, e in paese già se ne mormora. E anche se è ancora presto, di sicuro le polemiche arriveranno.

Giusto o sbagliato? Per il sindaco Cipani è giusto, ma solo a determinate condizioni. “Non vogliamo fare nulla di celebrativo o di apologetico – ha detto – La storia è passata di qui in un certo modo, ed è sciocco e assurdo fare finta di niente. Noi dobbiamo riuscire a trasformare il passato in un'opportunità, anche turistica”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Tragedia avvolta nel mistero: cadavere trovato in autostrada, lungo la corsia di sorpasso

Torna su
BresciaToday è in caricamento