Bambina scomparsa da mesi, la svolta nelle indagini: "Iushra è morta"

La disperazione dei genitori: “La nostra vita è distrutta”. Dopo quasi 230 giorni la Procura ha chiuso le indagini: “La bambina è morta”. Indagata l'operatrice

Stavolta è davvero la fine. Parola di inquirenti e Procura: Iushra è morta. A quasi 230 giorni dalla scomparsa di Iushra Zannatul Gazi, la bambina autistica che lo scorso dicembre avrebbe compiuto 12 anni, sono state ufficialmente chiuse le indagini relative alla sua scomparsa. Omicidio colposo: questa è l'ipotesi di reato, e per cui al momento c'è soltanto un'indagata, l'operatrice che quel giorno era con lei, e che aveva la responsabilità di tutto il gruppo di bambini disabili che stavano salendo a Cariadeghe.

Il giorno della scomparsa

Era il 19 luglio scorso, una triste storia. La bambina sarebbe scappata dal controllo degli operatori, fuggendo senza mai fermarsi nei boschi dell'Altopiano sopra Serle. Quasi raggiunta, si sarebbe fermata solo un istante, con un sorriso: poi di nuovo di corsa, avvistata anche da un passante che poi testimonierà di averla vista, forse anche da una seconda persona, la cui testimonianza però non venne giudicata attendibile.

Le ricerche

L'hanno cercata a migliaia, prima a luglio e poi tra settembre e ottobre, dall'Altopiano di Cariadeghe fino a quasi al confine con Botticino, decine e decine di ettari scandagliati in aria e in terra, tecnici specialisti, cani molecolari, droni termici, subacquei e scalatori. Niente da fare,  niente di niente: dopo sette mesi di indagini e ricerche di Iushra non è mai stata trovata una traccia che fosse una.

Il naturale proseguimento del procedimento giudiziario, dopo la chiusura delle indagini, porterà l'operatrice indagata a presentare (entro 20 giorni) quelle che possono essere definite le sue memorie difensive. In seguito si deciderà sull'eventuale rinvio a giudizio, circostanza che gli addetti ai lavori suggeriscono essere molto probabile.

Mamma e papà

Intorno alla bambina scomparsa c'è una famiglia ancora distrutta. Il padre-coraggio Mohamed Liton Gazi, operaio all'Iveco: a casa tre figli ancora piccoli, la giovane moglie Khanam, nei mesi i cortei di sensibilizzazione, la presenza sull'Altopiano, gli appelli alla stampa e in diretta televisiva. Non si è mai arreso, non si sono mai arresi.

Ma il tempo scorre inesorabile, e la consapevolezza si fa sempre più concreta. E triste. “Vorrei soltanto fosse ritrovata – ha detto il padre – per poterla rivedere, per darle una degna sepoltura”. La disperazione dei familiari, che non ci girano intorno: “La nostra vita è distrutta”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • difficilissimo da credere!!!!! io penso che qualcuno l'abbia presa!!!!! come si puo incolpare una persona di omicidio se il corpo non è ancora stato tovato????

    • Hai perfettamente ragione

  • poveri genitori che dolore.almeno trovare i resti di questo Angelo.

Notizie di oggi

  • Elezioni

    Provincia di Brescia, Comunali 2019: i primi 23 nuovi sindaci eletti

  • Cronaca

    Cinque forti boati, tremano i vetri delle finestre: paura nella notte

  • Cronaca

    Marito e padre di due bambine, muore stroncato da una terribile malattia

  • Cronaca

    Ciclabile verso la Valtellina: il sogno si avvera

I più letti della settimana

  • Professore si suicida in palestra, il corpo trovato da due studenti

  • Stroncata dalla malattia, muore madre di famiglia: il dolore di figli e marito

  • Grandine e nubifragi nel Bresciano: strade allagate, traffico nel caos

  • "Ucciso dai nipoti e messo in un sacco per far sparire il cadavere"

  • Schianto in galleria: feriti estratti dalle lamiere, strada chiusa

  • Ragazze portate d'urgenza al pronto soccorso, intanto il medico abusava di loro

Torna su
BresciaToday è in caricamento