Un triste primato in provincia: è bresciano il canale più inquinato d'Europa

I dati shock dello studio su agricoltura e allevamenti pubblicato da Greenpeace: secondo i rilievi degli ambientalisti il fiume più inquinato d'Europa è a Quinzano d'Oglio

Di certo è un primato di cui si sarebbe fatto volentieri a meno, ma che volente o nolente rispecchia lo stato di salute di alcune zone della nostra provincia: il fiume più inquinato d'Europa si trova nel Bresciano. Lo scrive Bresciaoggi, citando il recente studio di Greenpeace “Il costo nascosto della carne”, sul tema di agricoltura e allevamenti intensivi. E dalla ricerca emerge che il corso d'acqua che sta peggio, su tutti quelli presi in esame nel continente, è la Roggia Savarona di Quinzano d'Oglio.

E' il primo della lista (nera) su un totale di circa una trentina di fiumi, corsi d'acqua e ruscelli analizzati da Greenpeace in dieci diversi Stati europei. La Roggia Savarona è stata analizzata il 13 giugno scorso, con risultati tristemente sorprendenti: nell'acqua sono stati rilevati addirittura 11 diverse tipologie di principi attivi, di altrettanti diversi farmaci veterinari tra cui 7 antibiotici.

Non solo: sono risultate fuori legge anche le concentrazioni di nitrati e nitriti, sulla base delle norme stabilite dall'Unione Europea. E ancora: nelle acque di Quinzano sono stati rilevati anche 23 diversi pesticidi, di cui 6 attualmente vietati dalla legge, con una concentrazione di oltre 1150 nanogrammi per litro, appunto la più alta di tutta Europa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I fiumi in Europa

Non che i “cugini” francesi, tedeschi, olandesi o belgi se la passino meglio. Sui circa 30 corsi d'acqua analizzati da Greenpeace, nel 79% dei casi è stata rilevata presenza di farmaci veterinari, e quasi il 70% di antibiotici. E' stata poi riscontrata presenza di oltre un centinaio di pesticidi diversi, di cui una trentina vietati da tempo (ma comunque utilizzati). In oltre la metà dei corsi d'acqua analizzati è stata infine verificata una presenza di nitrati superiore ai 9 milligrammi per litro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo focolaio bresciano: positivi 15 ragazzi, sono tutti in isolamento

  • Uccide una bimba travolgendola sulle strisce: padre di famiglia in manette

  • Tragico schianto sulla 45bis: auto schiacciata da un camion, morto il conducente

  • Animatore del grest positivo al coronavirus, bambini e ragazzi in isolamento

  • Bimba travolta e uccisa sulle strisce: l'automobilista si è costituito

  • Tetti distrutti, auto schiacciate dagli alberi: i 20 minuti d'inferno della tempesta

Torna su
BresciaToday è in caricamento