Lunga vita all'evoluzionismo: "Le razze non esistono. Ma purtroppo esistono i razzisti"

Anche a Brescia il Darwin Day: al Museo di Scienze Naturali il gradito ritorno di Francesco Cavalli Sforza, nella serata dedicata al padre scomparso

Foto di repertorio (da Pexels)

La riproduzione è l'unità di misura dell'evoluzione: tanto si riproducono i batteri in un anno, e dunque si evolvono, che l'essere umano per fare lo stesso di anni ce ne mette almeno mezzo milione. E ancora, la capacità di digerire il lattosio: se non fosse per una tribù dei Monti Urali, che più di 70 secoli fa beveva latte di renna in grandi quantità, allora come la stragrande maggioranza dei mammiferi anche noi ci dovremmo accontentare del latte materno, perché dopo pochi anni non saremmo più in grado di digerirlo. Stessa cosa, o quasi, per il frumento: a parte che quello che ci nutre da millenni è un Ogm, un organismo geneticamente modificato (quello originale, che oggi esiste solo in Medio Oriente, faceva “esplodere” i suoi chicchi a decine di centimetri di distanza), se non fosse per un particolare allele (la forma diversa di uno stesso gene) non saremmo in grado di digerirlo (e qui si spiega, almeno in parte, la celiachia).

Il Darwin Day

Questo e tanto, tantissimo altro: anche a Brescia il Darwin Day, la giornata che celebra l'evoluzione – spin off del celebre format in scena da anni a Milano, e quest'anno dedicato anche a Leonardo Da Vinci – e che al Museo di Scienze Naturali ha voluto ricordare la (grande) figura di Luigi Luca Cavalli Sforza, genetista italiano ma tra i più famosi al mondo, morto la scorsa estate dopo una vita a studiare, a organizzare, a smentire stereotipi e false convinzioni. In Via Ozanam c'era il figlio Francesco, anche lui scienziato e divulgatore, sul palco per l'occasione insieme a Carlo Antonio Barberini, studioso del Centro Filippo Buonarroti (gli organizzatori della serata).

La questione della razza

Nel tempo delle fake news, è tanto fake la questione della razza: “Le razze umane esistono, ma stanno tutte dentro la nostra testa”, scriveva Luigi. “Nel genere umano non esiste alcun tipo di distinzione che possa definire delle razze – ha detto Francesco Cavalli Sforza – Certo che in 50mila anni ci sono state delle differenze, ma legate solo all'aspetto esterno, che in pratica è solo la nostra interfaccia con il clima”. Insomma, dice ancora Cavalli Sforza, “il concetto di razza è inesistente in biologia, e quelle che ci sono esistono solo nella nostra testa, in una falsa visione che confonde la biologia con la cultura. Ma se le razze non esistono, purtroppo esistono i razzisti”.

Potrebbe interessarti

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Come smettere di fumare

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

I più letti della settimana

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Ubriaca fradicia di primo mattino, ragazza soccorsa da un'ambulanza

  • Offlaga: parte un colpo di fucile, morto il 19enne Riccardo Moretti

  • Blitz della Locale dal parrucchiere, scattano i sigilli

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

Torna su
BresciaToday è in caricamento