Coronavirus, in Lombardia via libera a calcetto e discoteche

Pubblicata la nuova ordinanza regionale: dal 10 luglio prossimo via libera agli sport di contatto e alle discoteche (purché all'aperto). Tutte le informazioni

La discoteca Zouk a Singapore: si balla con la mascherina

E' tutto pubblicato, nero su bianco, sull'ordinanza firmata dal presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana, la stessa che ha prorogato fino al 14 luglio l'obbligatorietà della mascherina (o di altro per coprirsi naso e bocca) anche all'aperto: a partire dal 10 luglio prossimo sarà possibile tornare a giocare a calcetto, e più in generale gli “sport di contatto”, ma pure andare a ballare, in discoteca ma soltanto all'aperto.

Via libera agli sport di contatto

“La ripresa degli sport di contatto è prevista a decorrere dal 10 luglio – si legge nell'ordinanza – previo il verificarsi delle condizioni delle condizioni previste nel Dpcm dell'11 giugno 2020, ovvero che regioni e province autonome, d'intesa con il Ministero della Salute e dell'autorità di governo delegata in materia di sport, abbiano preventivamente accertato la compatibilità delle suddette attività con l'andamento della situazione epidemiologica nei rispettivi territori”.

Dal 10 luglio anche balli all'aperto

Insomma, per ora c'è il via libera (e dovrebbe rimanere così), ma in caso di una nuova impennata di casi – ricordiamo che nel Mantovano già si contano tre nuovi focolai – in certe zone potrebbe ancora essere vietato. L'ordinanza prevede, come detto, anche la riapertura di discoteche e sale da ballo a partire dal 10 luglio: l'attività da ballo sarà comunque consentita solo all'aperto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Via libera già dal 1 luglio anche a congressi e manifestazioni fieristiche. Restano in vigore le prescrizioni già previste per i datori di lavoro dai precedenti provvedimenti, tra cui l'obbligo di misurazione della temperatura corporea di tutti i dipendenti e di comunicare tempestivamente i casi sospetti all'Ats di riferimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si sente male nel suo locale, ristoratore bresciano muore mentre sta lavorando

  • Travolta in allenamento, è morta Roberta Agosti: era la compagna di Marco Velo

  • Esce a buttare lo sporco e non torna: scomparsa giovane mamma bresciana

  • Coronavirus, primo focolaio bresciano: positivi 15 ragazzi, sono tutti in isolamento

  • Uccide una bimba travolgendola sulle strisce: padre di famiglia in manette

  • Animatore del grest positivo al coronavirus, bambini e ragazzi in isolamento

Torna su
BresciaToday è in caricamento