Bimbi morti al Civile, medici e infermieri contro gli insulti: "Ci siamo presi cura di loro"

Mentre proseguono le indagini sulla morte dei bambini al Civile, medici, operatori e infermiere del reparto rispondono agli insulti ricevuti sui social network

Il post di un'infermiera della TIN dell'ospedale Civile di Brescia

Rispondono sui social alle tante malignità di questi giorni, mettendoci la faccia: sono i medici, gli operatori e le infermiere del reparto di Terapia intensiva neonatale del Civile di Brescia, da qualche giorno inevitabilmente sotto i riflettori dopo la morte di quattro bambini (in poco più di una settimana). Sull'accaduto sta già indagando la Procura, che ha aperto un fascicolo (contro ignoti) per omicidio colposo: anche la Regione e il Ministero hanno inviato una task-force di ispettori.

“Sono un'infermiera della Terapia intensiva neonatale agli Spedali Civili di Brescia e ne vado fiera”: è questo il messaggio che rimbalza di bacheca in bacheca, su Facebook e su Instagram, scritto e pubblicato dalle stesse infermiere che lavorano in reparto. E così c'è Linda S., o Paola T., e ancora Emanuela, e poi Maura che scrive “Sono infermiera da 14 anni e ne vado orgogliosa”.

E la risposta social agli attacchi social potrebbe non essere l'unica. La dirigenza dell'ospedale infatti si starebbe già attivando per denunciare tutti quelli che ci sono andati un po' troppo pesante. Anche gli stessi dipendenti avrebbero chiesto una qualche forma di tutela.

Il commento di chi lavora in reparto

“Io lavoro in quella Terapia intensiva neonatale che state mettendo alla gogna - scrive Laura B. - Lo direi a voce alta se potessi, perché sono fiera di essere parte di quella grande famiglia. […] Non mi viene semplice non replicare ad alcuni commenti che state rivolgendo a me e ai miei preziosi colleghi (medici, infermieri, personale di supporto, nessuno escluso). Commenti disuami, che toccano la nostra professionalità nel profondo. Cattivi, come il mondo sta diventando. Falsi e ignoranti, ovvero che non conoscono, come voi che vi permettete di parlare di medicina e scienze infermieristiche davanti a una persona che ha lottato per esserlo nella vita, e ha studiato a lungo per poter salvare delle vite umane”.

E ancora: “La morte esiste e non possiamo nasconderlo, soprattutto in un reparto critico come la Terapia intensiva neonatale. Ma di miracoli ne accadono ogni giorno, e oltre alla cruda morte qualche volta meritereremmo di ascoltare qualche storia felice. Continuerò a credere che il mondo sia diverso da quello che sto percependo oggi. Con tutto il rispetto e l'affetto, mando un abbraccio alle famiglie dei piccoli che se ne sono andati troppo presto, e di cui ci siamo presi cura fino all'ultimo respiro”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (10)

  • Gente che non merita nessuno commento siete tutti grandi siatene fieri grazie 1000 per il vostro impegno vi abbraccio tutti ♥️????

  • Quando nascono bimbi di 700-800,magari alla 28sima-29sima settimana....nessuno ne parla,salvano vite tuttu i giorni,nessuno ne parla. Muoiono 4 bimbi in 15 giorni,per cause diverse,e i complottisti terrapiattisti li vogliono tutti morti.... Silenzio e rispetto per queste persone che tutti i giorni compiono miracoli.

  • Quando 6 anni fa è nato il nostro bambino è stato ricoverato in terapia intensiva neonatale, proprio al Civile, questo ci ha permesso di conoscere un mondo di medici e infermieri fantastici con un grande coraggio per affrontare quel lavoro, una missione, li se non lo fai con passione non puoi di sicuro resistere, se non ci sei passato non puoi capire, a prescindere dai fatti di questi giorni che hanno sicuramente colpito l'opinione pubblica. Rivolgo un pensiero di vicinanza alle famiglie dei piccoli Angeli.

  • Questo lavoro più di ogni altro ha bisogno di umanità cuore e dedizione , nn tutti sono tagliati x farlo ma queste Donne sono speciali !!!

  • io ho avuto la mia bambina dieci anni fa quando è nata ricoverata in terapia intensiva neonatale e i bambini venivano seguiti con dedizione sono angeli queste persone lavatevi la bocca con il sapore prima di scrivere stronzate!!!

  • Gli ignoranti sempre pronti ad insultare. Io invece devo solo ringraziare queste persone , senza di loro non sarei più qui .

  • Avatar anonimo di Simone
    Simone

    Ho avuto la mia bimba appena nata in terapia intensiva neonatale in Poliambulanza è davvero ho visto una dedizione e una cura verso tutte le creaturine che vi erano da lasciare commossi.. un amore nel seguire ogni pianto è una professionalità incredibile.. non dubito minimamente che lo stesso avvenga anche al Civile, perché davvero sono persone speciali per fare un lavoro così sotto pressione. Detto questo utenti che manco sapete di cosa si parla e di cosa avviene e in un reparto del genere, abbiate solo la cortesia di non aprire bocca per dire minchiate e agitare l’aria

  • La maggior parte della gente che insulta gratuitamente non conosce nemmeno l'argomento. Quindi ignorate e fate il vostro lavoro con competenza e dedizione come avete sempre fatto.

  • un grandissimo grazie a Laura e a tutti gli infermieri e medici dell ospedale civile per il loro sacrificio e dedizione per gli altri. Non perdete tempo a leggere critiche stupide da gente stupida. la feccia va ignorata..

    • Concordo al 100%

Notizie di oggi

  • Attualità

    Nuova vita per il parco Gavia: addio al Pcb, a maggio la riapertura

  • Attualità

    Tentata strage di bambini: a Brescia abusi sessuali su una ragazzina

  • Cronaca

    "Ha ucciso l'ex moglie per gelosia", ma del cadavere ancora nessuna traccia

  • WeekEnd

    Cosa fare a Brescia dal 22 al 24 marzo: i migliori eventi del weekend

I più letti della settimana

  • Tragedia in casa: ragazza non risponde ai familiari, i pompieri la trovano morta

  • Incidente a Calvagese della Riviera: morti Marco Cioccarelli e Alessandro Giuliani

  • Marco e Alessandro, tra sogni e ricordi: due giovani vite spezzate troppo presto

  • L'auto distrutta in un groviglio di lamiere: lesioni cerebrali per il ragazzo alla guida

  • Blocca una bambina in strada e le mostra il pene: condannato operaio bresciano

  • Ambra senza filtri sull'ex: "Renga? Complicato vivere vicini, ma sa farmi ridere"

Torna su
BresciaToday è in caricamento