Fanghi e gessi di defecazione nei campi: l'inchiesta shock nel Bresciano

Le telecamere della trasmissione di Rai 3 'Indovina chi viene a cena' a Calcinato

'Indovina chi viene a cena' a Calcinato

Una poltiglia grigia di odore acre e pungente, sparsa nei campi agricoli come fertilizzante: sono i gessi di defecazione. Si tratta di un particolare tipo di fertilizzante, a costo zero per gli agricoltori, che deriva dal processo di depurazione delle acque civili e industriali a cui quali possono essere mescolati altri rifiuti. 

Sarebbero loro la causa dell'odore nauseabondo che costringe i residenti a non poter aprire le finestre di casa: un tanfo insopportabile che irrita la gola e provoca miasmi. Proprio i gessi di defecazione sono finiti al centro dell'inchiesta shock della trasmissione 'Indovina chi viene a cena" di Rai 3, andata in onda domenica sera.

Le telecamere della Rai sono arrivate anche a Calcinato per raccogliere le testimonianze dei residenti e documentare il gran viavai di camion nella zona dove si trova la Wte, azienda che produce questo particolare tipo di fertilizzanti.

L'indagine si è focalizzata sulla presunta mancanza di controlli nell'utilizzo di questo tipo di fertilizzante, prodotti con ogni genere di scarto - da quelli alimentari, ai liquami, fino alle lettiere degli animali - che vengono poi trattati con la calce.  La legge - evidenzia il servizio - consente alle autorità competenti (l'Arpa) di effettuare delle verifiche solo durante la preparazione dei composti e non durante lo spandimento sui terreni agricoli, anche perché è impossibile sapere quando e come questi concimi verrano riversati nei campi.

"Il processo di trasformazione con l'acido solforico non è in grado di eliminare gli eventuali inquinanti presenti - spiega nel servizio Fabio Cambielli, dirigente di Arpa Lombardia - ma noi possiamo effettuare controlli solo durante la preparazione e nella metà dei casi abbiamo riscontrato irregolarità" .

Quali effetti abbiano tali sostanze, una volta riversate sui terreni dove si coltivano mais, barbabietole, cereali e riso, sulla salute rimane ancora un mistero tutto da chiarire. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • L'agricoltura di qualità?? Rendete pubblici i risultati di laboratorio dei terreni agricoli di quelle zone. Già si sta male respirando , figuriamoci mangiando i prodotti di quelle terre. Schifo

  • Forse è la risposta alle polmoniti in zona Bassa Bresciana.

  • Siamo noi la vera terra dei fuochi... Ergastoli a chi ha commesso questi disastri ambientali la gente sta morendo di tumori... Vergogna Italiana

  • Guardiamo a cosa sta accadendo a Montichiari e dintorni.... tra discariche (chissà cosa ci sarà sotto), ex cave e trattamenti nei campi.... Uniamo il termovalorizzatote (che ancora alcuni osannano per efficienza....) e agli sversamenti di scarti da lavorazione industriale.... la terra dei fuochi è sotto di noi...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    La disperazione per la morte di Leonardo: "Eri un ragazzo speciale"

  • Cronaca

    Cocaina tra i giochi della figlioletta: bresciano in manette

  • Cronaca

    Mille Miglia: Moceri-Bonetti i vincitori, festa finale sotto la pioggia

  • WeekEnd

    Cosa fare a Brescia dal 17 al 19 maggio: i migliori eventi del weekend

I più letti della settimana

  • Ragazzina scomparsa, la tragica scoperta: si è suicidata a soli 17 anni

  • Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

  • Maxi-sequestro da 130mila metri quadri: rifiuti tossici, falda contaminata

  • Uccisa da un malore mentre sta pulendo casa: addio a Silvia

  • "Adesso mi ammazzo!": torna a casa ubriaco, si accoltella davanti ai genitori

  • Auto sbanda in curva, poi la tragedia: chi era la vittima

Torna su
BresciaToday è in caricamento