Amianto, la strage continua: ogni 10 giorni un bresciano muore per il mesotelioma

I dati shock resi noti dall'Osservatorio nazionale sull'amianto: quasi 6000 casi di mesotelioma solo in Lombardia negli ultimi decenni, 30 morti all'anno anche a Brescia

Di amianto non si smette di morire: una strage silenziosa, inesorabile. Quasi 6000 casi di mesotelioma solo in Lombardia, e in meno di 15 anni: è questa la patologia direttamente collegata all'esposizione alle “fibre killer”, che in Italia sono fuorilegge ormai da un quarto di secolo, dal 1992. Ma che continuano a mietere vittime: circa 400 all'anno, almeno una trentina anche in provincia di Brescia.

Sono questi i dati shock presentati a Milano (la città e la provincia più colpite) dall'Ona, l'Osservatorio nazionale sull'amianto, e che raccontano di una situazione ancora critica, nonostante tutto quello che è stato detto, e fatto: numeri ancora più preoccupanti se confrontati con i decessi non da mesotelioma, ma da patologie comnunque legate all'amianto e ai suoi derivati. In tutta la Regione sono più di 2000 ogni anno, circa sei al giorno.

I casi di mesotelioma in Lombardia

I dati presentati dall'Ona parlano chiaro. In Lombardia quasi 6000 casi di mesotelioma dal 2000 al 2015: e sono soltanto quelli censiti. La provincia più colpita è quella di Milano, con oltre 1500 patologie rilevate (sono 882 solo in città), poi Bergamo con 564, Pavia con 491, Varese con 453, anche a Brescia sono più di 400, di cui poco meno del 10% in Valcamonica.

In Regione sono almeno 210mila i siti da bonificare, case o edifici, capannoni e altro dove è ancora presente l'amianto: un quantitativo che da solo vale più di un terzo del totale di tutta l'Italia. In gran parte in proprietà private, quasi il 90%: ma fa specie sapere che c'è un 10% (o poco più) presente anche in edifici pubblici.

Numeri che fanno paura

Nel 2017 sono più di 500 le morti di mesotelioma: una patologia da cui è difficile se non impossibile salvarsi, con un tasso di mortalità che si avvicina al 90%, e un periodo di incubazione della malattia che può protrarsi per decenni prima di dare i primi sintomi, anche per 40 anni. E non c'è solo la terribile neoplasia: non sono rari i casi di carcinoma polmonare, o di asbestosi, la prima malattia professionale correlata all'amianto, in Italia riconosciuta dall'Inail. Una strage mondiale: secondo l'Oms, l'Organizzazione mondiale della sanità, sono più di 100mila ogni anno le persone che perdono la vita per cause relative all'amianto. La metà solo in Europa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento