Autisti picchiati e aggrediti, ma a processo finiscono i dirigenti d'azienda

Una ventina di aggressioni in due anni: i dirigenti della società Sia vanno a processo per lesioni colpose. Per l'accusa non avrebbero “protetto” i propri dipendenti

Autista aggredito (foto d'archivio)

Sono accusati di lesioni colpose i tre dirigenti della Sia, la nota società di autotrasporti, attualmente a processo a margine dell'inchiesta firmata dal sostituto procuratore Carlo Pappalardo: le indagini sono stati avviate a seguito dell'esposto in Procura presentato dall'Ats, secondo cui la società non avrebbe adempiuto soprattutto alle richieste degli autisti vittime di aggressione.

Secondo una stima considerata realistica (e che poi è stata portata anche in tribunale), sarebbero più di venti in due anni gli autisti aggrediti, quasi uno al mese: e queste sarebbero soltanto le aggressioni più gravi, quelle cioè dove sono state riportate ferite, medicazioni, interventi dell'ambulanza o delle forze dell'ordine.

Una situazione su cui autisti e sindacati hanno detto (e scritto) tanto: una delle richieste avanzate era il posizionamento di una barriera divisoria tra il posto di guida e l'ingresso del pullman, così da impedire a scalmanati e malintenzionati di avere un contatto “diretto” con il conducente del mezzo. La proposta è stata però cassata dalla dirigenza, perché non avrebbe comunque rispettato gli standard di sicurezza.

La posizione dell'azienda

Per motivi normativi specifici, ha spiegato la difesa di Sia, le barriere che possono essere installate devono essere “mobili”, non devono essere mai chiuse e quindi si devono poter aprire anche dall'esterno, in caso di incidenti o malori. E quindi non sarebbero utili per la “causa” per cui sarebbero state richieste, appunto proteggere gli autisti dalle aggressioni.

Un dibattito acceso, e che appunto è proseguito in tribunale: la prossima udienza è fissata per il 14 dicembre, quando sono attese le conclusioni del pubblico ministero. Sono tre i volti noti dell'azienda finiti sul banco degli imputati per lesioni colpose: il direttore Roberto Salerno, l'amministratore delegato Luca Del Barba, il presidente Ambrogio Banaglio.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Brescia usa la nostra Partner App gratuita !

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • ma siii è solo l inizio...a Chicago negli Stati uniti, i mezzi pubblici hanno i vetri protetti da una griglia a forma di nido d ape in ferro che impedisce perfino di guardar fuori. Constatato di persona ancora nel 2009....ahahahah l inferno è alle porte inutile illuderci..

  • Ronde sui mezzi pubblici

  • Esercito in campo a legnare i male intenzionati anche sui mezzi pubblici

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Smog, il blocco auto continua: decine di controlli, attenzione alle multe

  • Cronaca

    Linea ferroviaria Brescia-Montichiari: si parte per davvero

  • Cronaca

    Un bresciano protagonista a "MasterChef Pizza"

  • WeekEnd

    Cosa fare a Brescia dal 22 al 24 febbraio: i migliori eventi del weekend

I più letti della settimana

  • Muore a 19 anni dopo una notte in discoteca: gravissima la sua amica

  • Figlia morta nel sonno a 18 anni, Tramonte non potrà partecipare ai funerali

  • Panico in paese: mezza nuda in mezzo alla strada se la prende coi soccorritori

  • Le regala una casa, la Porsche e tanti gioielli: botte e minacce dopo la fine della storia

  • Drammatico frontale contro un tir mentre rientra dal lavoro, 21enne muore sul colpo

  • Apre nuovo supermercato: in cambio arrivano una ciclabile e un parco di 8.000 mq

Torna su
BresciaToday è in caricamento